Canti&Discanti 2009. Foligno. Corte di Palazzo Trinci.
Video intervista a Simone Cristicchi e al Coro dei Minatori di Santa Fiora, effettuata in collaborazione con Canti&Discanti e Manzoteam.
Il progetto-spettacolo dal titolo “Canti di miniera, d’amore, vino e anarchia” ha visto sul palco Simone Cristicchi con i 14 elementi del Coro dei Minatori di Santa Fiora, un gruppo di età compresa tra i 19 e gli 80 anni.
Se immagino un minatore, vedo solo gli occhi, come isole bianche in mezzo al mare nero della faccia. Più difficile è immaginare il suo sorriso.
La cosa interessante dei loro canti, è che sono tutt'altro che tristi!
La fatica irraccontabile, la tristezza e la rabbia per una condizione di lavoro inumana che spesso troncava le vite di chi lavorava in miniera, non trovano spazio in quei versi. La paura veniva esorcizzata attraverso l'allegria delle canzoni, tutti insieme come in un antico rituale, lasciando in fondo alla miniera gli abiti da lavoro sudici e sporchi di fango, mettendosi il vestito nero della festa e le scarpe buone. Così, il minatore come un novello Gesù Cristo sbarbato e pettinato, usciva da quei pozzi profondi, risorgendo alla vita, cantando al sabato sera insieme ai suoi compagni riuniti nell'Osteria di Natalina...magari una di quelle sere strizzava l'occhio alla bella Rosina, tra canti e suoni sbocciavano gli amori e si tirava avanti così, finchè c'era da scavare.
Sono sceso sottoterra in una Miniera, chiedendo di diventare anche io un “minatore”, che scava nelle gallerie infinite della memoria, cercando di riportare alla luce preziosi minerali nascosti, sepolti nella terra e nell'oblio del mondo contemporaneo.
Oggi, cantare insieme al Coro dei Minatori di Santa Fiora, rappresenta per me l'ennesima sfida, un deragliamento positivo fuori dai binari del consueto iter discografico, che finisce solitamente per diventare fredda routine. Questa nuova occasione di ricerca e di crescita nasce da una piccola scintilla e ha dato inizio a una vera “combustione”, un incontro fatto di spontaneità e grande entusiasmo che durante i concerti diventano così contagiosi, da trasformare magicamente ogni luogo in una grande Osteria!

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…