Galerie Ralph Schriever

UMBERTO CICERI

17 novembre / 31 dicembre 2010


Mutano i paradigmi dell’arte, mutano i paradigmi della critica d’arte, mutano i paradigmi dello stesso essere artista e delle storie d’artista.
Umberto Ciceri è l’esempio di autore che conduce un percorso artistico pieno, ma trasversale
e del tutto idiosincratico.
Una sorta di fiume carsico che, dopo un lungo tragitto di studi e di sperimentazioni condotti sia nel filone della creatività professionale sia in quello della ricerca personale, trova quasi naturale sbocco nel panorama dell’arte contemporanea.
Umberto Ciceri nasce nel 1961 e lavora a Bologna, vivendo ed esercitando la creatività nel mondo delle arti applicate sino al suo ingresso, nel 2007, nel vero e proprio mercato dell’arte: un percorso che riflette il suo concetto della missione dell’uomo nel cosmo come necessità ed esercizio di una pietas che possa riscattare l’esistenza dalla mancanza di giustificazione e dalla ingiustizia del caso; ecco che ne scaturisce quella scintilla di eroismo che brucia dentro ogni essere umano; segnatamente l’artista, infine, deve riconoscere questa urgenza.
La concettualizzazione del mondo del nostro Autore trova una naturale espressione nell’hypertraits, che sfrutta una tecnologia di stampa delle immagini capace di inserire la variabile t, la dimensione temporale, dentro la dinamica della fruizione, coinvolgendo l’opera e lo spettatore in un tutto irripetibile.
La rappresentazione della teatralità dell’esistenza in queste opere raggiunge davvero un apice: l’artifico onnipresente dello still-life qui si trasforma nella rivelazione dello spin-life, il moto è un’illusione come è un’illusione l’immobilità; il paradosso della vita si esprime allora con un linguaggio che parla istintivamente a tutti.
L’uso sapientissimo dello sfocato indubbiamente amplifica questi effetti di straniamento, perché la nitidezza della percezione, secondo l’Artista, è un accecamento fenomenologico, non ci permette di vedere davvero le cose; la sua speciale tecnica della sfocatura è il risultato di un esercizio minuzioso e precisissimo di scomposizione delle immagini nelle loro componenti cromatiche elementari, che richiede una grande esperienza.
Ma la ragione vera del successo immediato delle opere di Ciceri è nel fatto che fanno risuonare dentro di noi quasi una eco ancestrale, una voce che sorge dalle nostre profondità e ci ricorda verità dimenticate che non sono da dimenticare; ci catturano infine, quasi imprigionandoci dentro la magia del loro perpetuum motum in circula.

Galerie Ralph Schriever

UMBERTO CICERI

17th November / 31st December 2010

The paradigms of art change, the paradigms of Art criticism change and the paradigms of the very artists themselves and their personal stories change.
Umberto Ciceri is the example of an artist who is forging out a full yet indirect and totally idiosyncratic career.
It’s like a Karstic river which has found an almost natural opening in the field of contemporary art, after a long journey of research and experimentation in the path of professional creativity and also personal research,.
Umberto Ciceri was born in 1961 and works in Bologna, living and cultivating his creativity in the world of applied arts since breaking into the real art market in 2007. His is a career that reflects his concept of Man’s mission in the cosmos as a requirement and practising of a form of a pietas whose existence may be redeemed by a lack of justification and the injustice of the case in hand, thus causing the spark of heroism that burns inside every human being to be unleashed. In short the artist in particular has to recognize this urgency.
The conceptualization of our Author’s world finds its natural expression in the hypertraits, which use an image printing technology that can apply the time dimension variable t, inside the dynamic of picture reception, involving the work and the observer in one single whole.
The representation of the theatrical element of existence in these works truly peaks here. The omnipresent artifice of still-life is transformed here into a revelation of spin-life. Motion is an illusion just as stillness is an illusion. The paradox of life is therefore expressed with language that instinctively speaks to everyone.
The very expert use of blurring undoubtedly amplifies these alienating effects, because, according to the Artist, clarity of perception is phenomenological blinding and prevents us from truly seeing things. His special out-of-focus technique is the result of a very thorough and extremely precise decomposition of pictures into their elementary chromatic images, which requires vast experience.
However the real reason why Ciceri’s works are an immediate success is because they make an almost ancestral echo resonate inside all of us, a voice that rises from our innermost depths and reminds us of forgotten truths which ought not be forgotten. They ensnare us, almost imprisoning us within the magic of their perpetuum motum in circula.

Tricks and tips for eidetic tightrope walking, or rather walking on the razor’s edge where every false movement is a false move or likewise vice versa.

We cross the threshold with circumspection
And the circus of aesthetic representation is truly impressive here. The star of the art of throwing things together in Art is collapsing and implodes silently.
We approach the event horizon on all fours. In permanent metastable equilibrium, really balancing, the Ballerina dances her dance here, just like an Accusative of the Inner Object.
Looking at her from afar - her position being diametrically opposed to ours - she looks like a flame burning endlessly within itself, oscillating and flickering. She is the proposopopeia of the dea in nobis agitante.
Calescimus illa, actually. Despite that, it is warm and it must be said that the circumstance is comfortable, despite its ancestral terribleness.
The dancing animula vagula moves with still, sinuous gracefulness, something truly sublime. You could stay and watch her for hours without even noticing that time is not ticking by.
Surprised by a surge of naïve effrontery, pouring forth from I know not which recesses of infantilism that lodge within all of us, we turn towards it … oops…to her:
- Madame, you truly touch us within the feeling of existing. It comforts and discourages us like the sighting of an ignis fatuus.
- What are you saying, Perfect Stranger!? Nosey man, you’re the one who is staring at me. The vanity is indeed in the eye of the beholder.
- If I was, I beg your pardon. I did it in all innocence. To be honest, I am seeing you completely out of focus!
- And that’s what violates my privacy. The eye actually sees more when it sees less.
- Aah… the story of lichtung… I’ve people talking about something of that ilk… But fire is a gift from the gods. The whole of civilization owes its existence to the discovery of fire!
- Leave the gods out of it, that’s none of your business. Prometheus? He stole fire, a banal commodity of Olympus, believing himself to be smart. Tsk… he was no more than a two-bit political wheeler-dealer caught in the act of embezzlement who managed to pass himself off as a martyr with a clever coup de theatre. It was actually his younger brother, Epimetheus, considered a fool, who was made of the stuff of an artist who counts. Just think, opening poor Pandora’s box! It was genius! Look around, seeing is believing!
- Does that count for something?
- Of course, my dear man. When the eye looks, it recognises and when it does not focus it stops recognising and starts seeing.
The Ballerina is becoming didactic, and as it goes on, we start getting bored.
By dint of staring at her, the discarnate beauty of the dancing flame begins to transform and undergo a metamorphosis. It’s almost as if we can actually see Pandora, Salome or Marilyn within her …
Events are starting to precipitate.
We stand up and take one step, then another, towards her. She seems to encourage us with her sensual winking. We venture towards the centre of the enormous pupil stepping on the abyssus abyssum surrounded by the event horizon. We feel like a sad faithless Christ wandering cautiously on crystal clear waters.
A s we slowly edge towards the centre of the circle, the entire floor starts to tilt, almost spinning around a virtual fulcrum and lifting up under our feet, as if the weights of our opposing presence and the Ballerina had been balanced up to this point, while now that the asset is changing…
Suddenly the entire floor rotates on the axis and in a flash overturns, like the bridge of the vessel that is capsizing.

On the other side - the antipodes we think, upside down in any case- everything looks more normal, realistic and easygoing. Even the words will be like that, we should imagine.
There’s a terrace overlooking the rooftops of a typical Italian historical town centre, with vases of flowers and outdoor furniture. A computer sits whirring on a metal table.
Tepid rain lashes down over us ceaselessly.
Moving our head slightly, we manage to snatch a glimpse behind the scenes. A few details of the fly system can be seen in the shadows backstage; not a single living soul though.
The Author is now sitting in front of us, staring at us silently with a sly grin, the rain stinging his face.
With a cordial nod of the head, we sit down facing him on a bare metal garden chair.
- Well, - let’s apostrophize – it’s a very clever ruse. Now what?
- The best bit is about to come now, answers the Author in a flat voice.
- The sublime best bit?
- The subliminal best bit.
- Is there something alchemic in that?
- Not exactly. There’s a bit of chemistry, the chemistry and physics of perception. However, it’s true, there’s also a lengthy apprenticeship, consisting of studies and research as ars regia requires…For a quarter of a century I’ve been conducting an initiation consisting of studies and experiments with the glittering algorithms of chromatic perception, the metamorphoses of neurophysiology in its apparent opposite, the designs and weave of the patterns and gestalt of the opus magnum…
- And the alchemists did actually call themselves artists!
- … Good. Chemistry and cookery, well, why not? Fire is the protagonist. What actually seems to be fire on the outside is actually the result of a white hot work of nanometric focalization which goes as far as to be paroxysmal. It’s a matter of fine alignment of the invisible with the visible. Yes, an alchemic concoction is cooked up. The inner fire is activated when the outer fire penetrates and the eidetic material begins its transformation. It’s a journey down into the underworld.
- The heroes’ voyage?
- Heroes? Yes, it’s a sad revelation, but we have to accept it. There is no pietas in the macrocosm. It’s Man in his little world who can create it for you. This is his heroism. Nevertheless genuine heroism, systematic heroism, cannot be found at the phenomenological level. That is the stuff of chronicles. In order to truly find it we have to go downwards, as far down as the underworld, in the forge of elementary motions, where the primary elements spontaneously mutate into one another, are reborn and then die in a continuing cycle. It’s the Wisdom matrix of Art from which alchemy and also the exact sciences of modern times come, or indeed the narrative of how salvation can only come from an awareness of a lower nature and how it is transformed.
- Heavy words!
- Not words, colours and chromatic micro-configurations, gestalten of perceptions and sensations: qualia. Here, it is about building visions rather than images, freeing them from the waste that already taints them at a subliminal level, like the ones which make images seem focused while we are blinded by their extreme sharpness.

We look around us warily, shifting uncomfortably on the chair. It is impossible to deaden the highly unpleasant sensation of an incumbent, titanic, monstrous eye that spies on us from above, threatening to suck us up from one moment to the next, but the Author does not take it for granted.
Just then a young extra enters to serve the tea. She pours it into the white porcelain cups while I get distracted watching two regulars sat at their respective tables, intently stirring the spoon around with clanking, like film loops, projections of the inventor Morel. A far-off loudspeaker is indeed playing Tea for Two.
All of a sudden the extra turns to the Author and, speaking with the Ballerina’s voice, she asks him point blank:
-Commander, what are we risking? Are we lives dissipated in the entropy of day after day? Are we monads portrayed or withdrawn in continuous refiguration? Have we come to the crunch? Are we looking at redde rationem? Are we multi-dimensional representations - hypertraits?
Amazed, the Author raises an eyebrow and looking her straight in the eyes says:
- Hyper… what?
- Forget it, commander. That’s twenty seven Euros, - replies the extra lowering her gaze. Taking the two banknotes, she leaves.
Alone again, the Author then addresses us in our turn, winking with a mischievous smile:
- How could she understand, the weakling, that everything that is finished is condemned to repeat itself in an internal loop from nothing to nothing via grieving…oops….everything? The more we seek Olympic mobility, the more we run rings around ourselves, around our axis of symmetry, like spinning tops. Still-life is a spin-life – there’s no escaping it. The first breath is a cry and the last is a death rattle, without interruption and without words.
- But, alas, we are nevertheless unable to stay quiet nevertheless - we finish his reasoning.
- We cannot manage to keep silent. We cannot resign ourselves to a state of tranquility. This is the original sin.
- Yes, the sin of innocence.
- A real sin and a pity.
- A sin and a pity indeed.

Hearing our name being called, we turn sharply around to see a Conductor dressed in tails, standing motionless, with his baton clasped between his fingers, staring at us in spasmodic concentration. No one breathes. Not a single fly moves. Finally his muscles are about to twitch, on the point of conducting the downbeat to the invisible orchestra and we die right there and then, in the eternal embiotic moment in which the Ballerina starts dancing her dance on the event horizon, just like an Accusative of the Inner Object.

Angelo Mancini

Tecniche di funambolismo eidetico, ovvero del camminare sul filo del rasoio dove ogni movimento falso è un falso movimento o viceversa indifferentemente.

Varchiamo la soglia con circospezione.
E il circo della rappresentazione estetica qui è davvero impressionante, l’astro dell’arte di arrangiarsi dell’arte sta collassando, implode silenziosamente.
Ci avviciniamo carponi all’orizzonte degli eventi; qui, in equilibrio metastabile permanente, in bilico insomma, danza la sua danza la Ballerina, proprio come un accusativo dell’oggetto interno.
A guardarla da lontano - si trova in posizione diametralmente opposta alla nostra -, pare una fiammella che brucia infinitamente tra sé, oscillando e ondeggiando: la prosopopea della dea in nobis agitante.
Calescimus illa, infatti; ciononostante la temperatura è mite e bisogna dire che la circostanza, pur nella sua ancestrale terribilità, risulta confortevole.
L’animula danzante si muove con un’immobile, sinuosa leggiadria, davvero sublime; si resterebbe a guardarla per ore senza neppure accorgersi che il tempo non trascorre.
Còlti da un impulso di ingenua improntitudine, scaturito da non so quali anfratti dell’infantilismo che alberga in tutti noi, ci rivolgiamo ad essa… oops… ad ella:
- Madame, davvero lei ci tocca da qualche parte nel profondo del sentimento dell’esistere. Ci conforta e ci sconforta come lo spettacolo di un fuoco fatuo.
- Che dite, signor perfetto estraneo!? Siete voi, indiscreto! che mi state mettendo a fuoco, la fatuità è nell’occhio di chi guarda, infatti.
- Se l’ho fatto, chiedo il suo perdono, davvero l’ho fatto in modo innocente. Vero è che, onestamente, la vedo del tutto sfocata!
- Ed è questo che vìola la mia intimità: l’occhio infatti vede di più quando vede di meno.
- Uhm… la storia della lichtung… ho sentito raccontare di qualcosa del genere… Ma il fuoco è un beneficio degli dèi, la civiltà intera originerebbe dalla sua scoperta!
- Lasciate perdere gli dèi, non è roba per voi. Prometeo? Scippò il fuoco, una banale commodity dell’Olimpo, credendo di essere furbo. Tzè… nient’altro che un politicante da strapazzo còlto in flagrante peculato e riuscito, con un astuto coup de theatre, a spacciarsi per martire. In realtà era il suo fratellino ritenuto scemo, Epimeteo, ad avere la stoffa dell’artista di vaglia: pensi, aprire il vaso della povera Pandora! Geniale! Si guardi in giro, vedere per credere!
- C’entra qualcosa ciò?
- Certamente, mio caro: l’occhio quando guarda riconosce, quando invece non mette a fuoco smette di riconoscere e comincia a vedere.
La Ballerina sta diventando didascalica e, com’è come non è, noi cominciamo ad annoiarci.
A forza di fissarla, la bellezza disincarnata della fiammella danzante comincia a trasformarsi, a subire metamorfosi; ci pare quasi di riconoscere in lei proprio Pandora, o Salomè o Marilyn…
Gli eventi stanno precipitando.
Rizzatici in piedi, azzardiamo un passo verso di lei, poi un altro; ella sembra incoraggiarci con i suoi ammicchi sensuali; ci avventuriamo verso il centro dell’enorme pupilla camminando sull’abyssus abyssum circondato dall’orizzonte degli eventi; ci pare di essere un povero cristo senza fede deambulante su acque cristalline, guardingo.
A mano a mano che ci spostiamo verso il centro del cerchio, tutto il piano comincia a inclinarsi quasi ruotando attorno ad un fulcro virtuale e sollevandosi sotto i nostri piedi; come se i pesi della presenze contrapposte nostre e della Ballerina si fossero sin qui bilanciati, mentre ora, variando l’assetto…
Di colpo tutto il piano ruota intorno all’asse e precipitevolissimevolmente si capovolge, come il ponte del vascello che scuffia.

Dall’altra parte - gli antipodi crediamo, comunque il sottosopra -, tutto appare più usuale, realistico, corrivo; anche le parole lo saranno, immaginiamo.
Una terrazza affacciata sui tetti di un tipico centro storico di cittadina italiana, con vasi di fiori e arredi da esterno; su un tavolino di metallo sta un computer cicalante.
Una tiepida pioggia battente ci sferza senza cessa.
Muovendo appena il capo riusciamo a sbirciare dietro le quinte; nella penombra si intravvedono alcuni particolari delle macchine sceniche; non una anima viva.
Di fronte a noi ora siede l’Autore, che ci fissa muto, un sorrisino sornione stampato sulla faccia strinata dalla pioggia.
Con un cenno cordiale del capo, noi ci accomodiamo di fronte a lui, su una sedia da giardino di metallo scrostato.
- Bene, apostrofiamo, carino l’escamotage. E adesso?
- E adesso viene il bello -, risponde l’Autore con voce piana.
- Il bello sublime?
- Il bello subliminale.
- C’è qualcosa di alchemico in ciò?
- Non esattamente, c’è una chimica sì, una chimica ed una fisica della percezione. Ma anche, è vero, un lungo apprendistato, di studi e ricerche, come richiede l’ars regia… Ho condotto per un quarto di secolo un’iniziazione fatta di studi ed esperimenti con gli algoritmi cangianti della percezione cromatica; le metamorfosi della neurofisiologia nel suo apparente contrario; le trame e gli orditi dei pattern e delle gestalt dell’opus magnum…
- E davvero gli alchemisti chiamavano se stessi artisti!
- … bene: una chimica ed una culinaria, allora, perché no? Il fuoco è protagonista, quel che pare fuori fuoco ottico è in realtà il frutto di un lavoro di messa a fuoco al calor bianco, nanometrica, al limite del parossistico: la messa a registro dell’invisibile con il visibile. Sì, è una cottura alchemica: con la penetrazione del fuoco esterno, il fuoco interno viene attivato e la materia eidetica inizia la sua trasformazione; è un viaggio agli inferi.
- Il viaggio degli eroi?
- Eroi? Sì, è una triste rivelazione, ma dobbiamo accettarla. Nel macrocosmo non c’è pietas, è l’uomo nel suo piccolo che ve la può sintetizzare, questo è il suo eroismo. Tuttavia il genuino eroismo, l’eroismo sistematico, non è rinvenibile al livello fenomenologico, quello è roba da cronache; per trovarlo davvero dobbiamo scendere di scala, scendere appunto agli inferi, nella fucina delle mozioni elementari, dove infatti gli elementi primari trasmutano spontaneamente gli uni negli altri, rinascono e muoiono ciclicamente. La matrice sapienziale dell’arte, da cui l’alchemia ma anche le scienze esatte della modernità: ovvero il racconto di come la salvezza può darsi solo a partire dalla coscienza della natura inferiore e di come si trasmuta.
- Parole grosse!
- Non parole, colori e microconfigurazioni cromatiche, complessi di percezioni e sensazioni, qualia: si tratta qui di costruire visioni più che immagini, liberandole dalle scorie che le inquinano già al livello subliminare, come quelle che ci fanno apparire le immagini a fuoco mentre siamo accecati dalla loro nitidezza abbagliante.

Noi ci guardiamo intorno circospetti, muovendoci inquieti sulla sedia; impossibile rintuzzare l’odiosa sensazione di un incombente, titanico, mostruoso occhio che ci spia dall’alto, minacciando di risucchiarci da un momento all’altro; ma l’Autore non se ne dà per inteso.
In quel momento entra una giovane figurante per servire il the; lo versa nelle tazze di porcellana bianca mentre io mi incanto a rimirare due avventori seduti ai rispettivi tavolini e intenti a rimescolare senza posa il cucchiaino, come spezzoni di pellicola in loop, realizzazioni dell’inventore Morel; un altoparlante lontano infatti suona Tea for Two.
Inaspettatamente la figurante si rivolge all’Autore e, con la voce della Ballerina, gli chiede a bruciapelo:
- Comandante, cosa stiamo rischiando? Siamo vite dissipate nell’entropia del giorno dopo giorno? Monadi ritratte o ritrattatte nella rifigurazione continua? Sempre costretti al dunque, allo spettacolo del redde rationem? Siamo rappresentazioni multimensionali, hypertraits?
Stupito l’Autore alza un sopracciglio guardandola diritto negli occhi:
- Hyper… che?
- Lascia perdere, comandante… fa ventisette euro, - risponde la figurante abbassando lo sguardo, prende le due banconote e se ne va.
Solo allora l’Autore si rivolge alla nostra volta, ammiccando con un sorriso un po’ sprezzante:
- Ha! Come potrebbe capire, meschina, che tutto ciò che è finito è dannato a ripetersi in un eterno ritorno del nulla nel nulla attraverso il lutto… oops… il tutto? Più cerchiamo una olimpica mobilità più ci rigiriamo su noi stessi, intorno al nostro asse di simmetria, come trottole: still-life è spin-life, non si scampa. Il primo respiro è un pianto, l’ultimo è un rantolo: senza soluzione di continuità. Senza parole.
- Ma, ahimè, non riusciamo tuttavia a tacere,- concludiamo noi il suo ragionamento.
- Non riusciamo a tacere, non riusciamo a rassegnarci allo stato di quiete: è il peccato originale.
- Sì, è il peccato dell’innocenza.
- Un vero peccato.
- Un peccato davvero.

In quella ci sentiamo chiamare per nome, ci voltiamo di scatto e vediamo un Direttore d’orchestra in marsina, immobile, con la bacchetta stretta tra le dita, che ci guarda fisso in spasmodica concentrazione; nessuno respira, non vola una mosca; finalmente i suoi muscoli stanno per scattare, sul punto di dare il la ai musicisti invisibili e noi moriamo sull’istante – nell’eterno istante embiotico in cui la Ballerina comincia a danzare la sua danza sull’orizzonte degli eventi, proprio come un accusativo dell’oggetto interno.

Angelo Mancini

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…