Ispirato al racconto di Jorge Luis Borges, La Biblioteca di Babele, Opus #1 è una metafora del mondo: lì si trovano ordine e caos, "bibliotecari imperfetti" costantemente alla ricerca dei misteri fondamentali dell'esistenza e dell'umanità. Nessuna certezza, ma molte scoperte: relazione con lo spazio e con gli altri, con i suoni, con i rudimenti del linguaggio, con le immagini.
Universo di segni che tenta di trasformarsi in scrittura. Linguaggio del corpo che diviene parola ed emozione.

The work is inspired by Jorge Luis Borges' tail "The Library of Babel", metaphor of human existence. There you can find chaos and order and the mankind, what Borges calls "the imperfect librarian", "may be work of chance", constantly looking for the clarification of basic mysteries of humanity.
The scene is meant as universe of signs that dancers translate in writing and a language of images and emotions.
"The universe which others call the library" is inhabited by creatures who are creating a new language to communicate with each other and their surroundings.

Progetto di / project by Ariella Vidach, Claudio Prati
Coreografia / Choreography: ARIELLA VIDACH
Danzatrici / dancers: MARTA MOLINARI, CLAUDIA PINTUS, ARIELLA VIDACH, STEFANIA TRIVELLIN
Musiche originali e composizione nonlineare / orignal musics and composition: LORENZO BRUSCI - TIMET
Programmazione software e automazione / Software programming: RAFFAELE DE TINTIS
Grafica interattiva / Interactive design: LUIGI DE ALOISIO
Programmazione interattiva / Interactive programming: PAOLO SOLCIA
Programmazione Big Eye / Big Eye Programming: FRANCESCO APUZZO
Disegno luci / Light design: MICHELE ALVAREZ
Tecnico luci / Light technician: LORENZO GIUGGIOLI
Scenografia / Set design: CLAUDIO PRATI, PAOLO SANSONI
Costumi / Costumes OLGA PAPOULIDOU
Anno / year: 2000-2001

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…