passione fisica
Passione Fisica

La fisica quantistica mostra la sua anima in teatro. Un’anima coinvolgente, divertente, intrigante.
Un’anima che si rivela negli esperimenti, ripercorsi in modo non accademico, e in una storia famosa e misteriosa.

Entrare nel mondo dei quanti vuol dire liberarsi da schemi mentali consolidati. Accettare una nuova visione che ci appare inconcepibile.
E niente è più come prima.

La fisica quantistica trascina. È come una passione. Una passione che fa mancare la terra sotto i piedi. Perché è una terra che non è più regolata da meccanismi determinati. In cui le cose possono trovarsi, nello stesso istante, in posti diversi.

"Signorina, prenda questi appunti…ne riparleremo”
“Ma, professore…”.
Questo scambio di battute avvenne realmente il 25 marzo 1938 tra il professore Ettore Majorana e la signorina Gilda Senatore, studentessa della Facoltà di Fisica di Napoli. L’ultima a vedere il famoso fisico siciliano prima della sua scomparsa.
Il contenuto di quegli appunti è un mistero, poiché andarono perduti.
Perché Majorana li abbia consegnati proprio a Gilda è uno spunto, che conduce allo strano incontro tra la studentessa e un’ex giocatrice d’azzardo su una scialuppa lungo la rotta tra Palermo e Napoli.
Per ricostruire il gioco di un esperimento mentale.
La probabilità di vivere contemporaneamente diversi destini.
Una straordinaria coincidenza tra vita e scienza.

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…