Oggi le traformazioni urbanistiche rispondono a un processo politico ed economico dettato dall'amministrazione, coinvolegendo, solo secondariamente coloro che abitano la città. Giropasta è la piattaforma bottom-up che favorisce il cittadino rendendolo il protagonista del processo creativo. È uno strumento che incentiva e semplifica la partecipazione, attivando il potenziale metabolico al fine di promuovere la produzione e l'efficienza delle risorse locali. Coinvolge tutte le scale sociali: il cittadino, il condominio, il quartiere, il municipio, contribuendo alla formazione di molteplici entità che utilizzano il web al fine di riumanizzare le città. La società in rete permette di costruire simultaneamente un sistema di alta velocità globale e bassa velocità locale. Giropasta ti aiuta a condividere le tue idee, attirando investitori e trasformandole in progetti. Cosciente di questa realtà che coinvolge la nostra vita quotidiana, Giropasta è uno strumento che incentiva e semplifica la partecipazione dei cittadini alla vita delle nostre città. La sua struttura di SOCIAL NETWORK consente di rapportare il cittadino con uno strumento familiare, di facile utilizzo e permette una visione in tempo reale delle attività mirate alla trasformazione della città. Con Giropasta la volontà di cambiamento non nasce dall'amministrazione che in un secondo momento interpella i cittadini, ma dalla voce stessa delle persone che vivono un determinato luogo urbano, un condominio, un quartiere, un municipio. La logica "dal basso" interpreta la diffusione delle reti sociali contribuendo alla definizione di nuovi attori che svolgono un'attività sempre più diffusa che con Giropasta potrà essere sempre visibile e trasparente. Le caratteristiche della rete sociale consentono un grado di coinvolgimento molto più vasto che è necessario in un contesto dove:
- La complessità dei problemi socio-economici e ambientali richiede risposte diversificate (tecniche, normative,
economiche, sociali, culturali, gestionali);
- Crisi della rappresentanza politica e delegata (democrazia rappresentativa)
Sfiducia nelle istituzioni rispetto ai processi decisionali;
- Domanda di un maggiore protagonismo e impegno individuale e desiderio di intervenire in prima persona per rispondere a vecchi e nuovi bisogni personali e sociali;
- Evidenza di limiti intrinseci dei processi decisionali tradizionali, che creano sempre maggiori conflitti sul territorio, spesso dovuti al non coinvolgimento dei diversi attori e delle comunità locali nelle fasi preparatory (sindrome DAD);
- Numerosi casi di conflitti scatenati da cittadini organizzatiin comitati, in opposizione a scelte considerate una minaccia alla sicurezza e alla qualità della vita (sindrome NIMBY);
- Scarsa collaborazione e coordinamento tra istituzioni e settori diversi e rinvio delle responsabilità (sindrome
NIMO);

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…