Ma se venisse anche l'inverno, l'ortolano militante rimane là. Il coltivatore d'altura mette in salvo gli animali come un Noè delle colline, si ritrova al fuoco coi confinanti e poi pensa a che sarà del suo orto durante l'inevitabile reclusione. La famosa nevicata del febbraio 2012, una delle più pesanti a memoria d'uomo nella mezza montagna modenese, ha coperto di un metro e mezzo il terreno locato a Capra, costringendo lui, Agnese, Ester e Gisella a modificare abitudini, tempi, attività, pensieri. Con spirito quasi zen Gabriele ha accolto lo stop forzato per mettere a punto interessi e strategie: l'unico modo per uscirne, dopo i cunicoli verso le zone periferiche della fattoria, è scavare un tunnel come cordone sanitario, una «striscia di vuoto» lunga 580 metri tra la morte e la vita. Dev'essersi sentito così, Amundsen tra i ghiacci, anche se non faceva l'orto.

Credits

Realizzato da Filippo Perfido e Enrico Veronese
Musica dei Gazebo Penguins
Si ringrazia Agnese, Ester e Gabriele

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…