Directed by
Angelo Cricchi & Simona Lianza

Written by
Angelo Cricchi & Olga Nerina Lateano

Director of photography
Gigi Martinucci AIC

Editing and Visual FXSimona Lianza
Original music & sound designSimona Lianza & Jacopo Panfili
Art Director Cecilia ‘Calamity’ Gasperini
Starring Carlotta Haver
Production Manager Caterina Rufo
Styling Carlotta Alesi
Fashion Coordinator Federica Trotta
Clothes by Technobohèmian designed by John Malkovich
Jewels Lamerti Lab
Hair & Make up artistFrancesca Petrangeli
Camera operatorGigi Martinucci
Focus pullerAntonio Celeste
Data managerGiacomo Bernasconi
GafferGabriele Gorga
Grips:Massimiliano Anzellotti , Daniele Anzellotti, Loris Felici
Art Director Junior, Chiara Collaro
Assistant director, Tommaso de Dona, Simone Golfieri, Claudio Apicella
Editor assistant, Lorenzo Botticelli
Executive production, Lostandfoundstudio for BIANCA
Camera equipment, D-Vision
Shot on RED EPIC
Produced by ,ROSSMUT

Special thanks to
Santiago Calatrava
and
Università di Tor Vergata
Comune di Roma
Catalina Giangrandi
James Barranger
Camilla Carolei
Stefano Luceri

Sponsored by
LAVIA

Entropia è la drammatizzazione di una cosmologia psichica, un ciclo cosmico che parte dall’ordine per degenerare lentamente nel caos. Il caos che è seguito dall’annullamento, l’annullamento che rigenera un nuovo ciclo. All’interno del superbo e incompiuto centro polisportivo di Torvergata ideato da Calatrava, la linea di moda di John Malkovich è l’espressione stilistica che ci guida nella degenerazione entropica di un sistema chiuso messo a confronto con la psiche umana. Un sistema - volta celeste, interpretato come un ventre di balena arcaico ed evocativo. Nel cosmo si alternano i cicli dei quattro soli generatori della vita dove l’uomo fa le veci del quinto sole perno delle rotazioni. L’uomo al centro della cosmologia, protetto nel ventre della balena madre, cede alla presunzione di sentirsi fautore del suo destino e distinto dalla materia che lo circonda. Segna un proprio cammino guidato dal libero arbitrio e si esprime desiderando e compiacendosi, gioendo dell’avverarsi dei desideri che lo rendono compiuto come essere e lo posizionano nel cosmo. Ma i desideri stessi lo investono come una scia maligna, una trappola, la grande malia che getta il soggetto in confusione. Preda di movimenti convulsi scivola nel buco nero dell’astenia, il terzo sole si eclissa, l’Entropia è massima. Solo nello stato abulico in cui si trova, investito della luce estatica del quarto sole, l’essere porta a compimento il suo percorso trasformandosi nel quinto sole rigeneratore del ciclo.
Quinto sole – l’uomo, fine e rinascita del sé.
Primo quadro- luce bianca, primo sole: Lo spazio tetro e desolato abitato da un solo essere vivente dà inizio ad un ciclo, nel mentre l’entropia legata al sistema naturalmente cresce. Tutto parte dal primo quadro legato al primo sole, un mondo-universo ordinato ove tutto è distinguibile e dove il soggetto domina il tempo che egli stesso scandisce.
Secondo quadro – l’arancione, secondo sole: l’Entropia del sistema è in aumento, lo spazio è entrato in collisione con una scia di meteore che si disintegrano al contatto con l’atmosfera, questo è segno che il soggetto sta desiderando. La sua volontà interna è fattore scatenante di eventi cosmici e viceversa, tanto il cosmo agisce sotto volontà del soggetto quanto il soggetto è condizionato dall’azione cosmica; così tanto più il soggetto desidera tanto più il pianeta entra in collisione con le meteore. Il caos cresce, l’entropia sta raggiungendo il valore massimo.
Terzo quadro – implosione del terzo sole. Il desiderio ha inglobato la volontà del soggetto e con esso il sole che implode esaurendo il suo potenziale. lo spazio diventa indistinguibile, lo scambio termico da materia a materia si è concluso, l’Entropia è massima, il sistema chiuso ha raggiunto lo stato di Morte Termica.
Quarto quadro – estasi nel quarto sole. Il quarto sole sorge ad investire il soggetto di una luce che lo ingloba fino a dissolverlo. Solo dopo aver percorso passo dopo passo la scala dei desideri ed essersi annullato nella sua stessa volontà l’essere ritorna a vivere nell’estasi, sospeso in un cosmo di cui non è elemento assestante ma parte integrante di un continuo.

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…