Un percorso artistico e multimediale per narrare una “storia” di malattia mentale prima e dopo la legge 180.
Interviste, immagini, disegni, tracce per raccontare attraverso la storia di una vita oltre trent’anni della nostra storia, della storia di tutti. InSideOut permette al visitatore di entrare in contatto con Il bambino con le braccia larghe narrato da Carlo Gnetti, scegliendo un personale itinerario tra il dentro e il fuori nell’esperienza di chi ha percorso questa linea di confine.

La mostra interattiva rende “visibile e tangibile” un ribaltamento dal dentro al fuori, da essere osservatori a essere osservati, passando da una dimensione corale ad una intima e personale.

L’installazione interattiva è stata ideata dal Museo Laboratorio della Mente e dal Laboratorio Aye Aye, promossa dalla ASL Roma E e dalla Provincia di Roma, sostenuta dal Centro Studi e Ricerche S. Maria della Pietà Associazione Onlus, SPI-CGIL, Cariparma e dal contributo libero dei cittadini.

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…