Interviste: Gaia Gasparetto, Ciro Mattia Gonano, Francesca Morelli, Luca Paparella, Silvia Stievano, Claudia Turolla
Suono: Cristina Boldrin, Gaia Gasparetto, Francesca Morelli
Regia, Camera, editing: Alberto Gambato

“Habitat: Laboratori urbani” è un progetto di arte pubblica che inventa e mette in atto interventi finalizzati a valorizzare luoghi di Rovigo. Habitat è formato da una rete di associazioni cittadine senza connotazione politica e promuove l’espressione artistica come strumento chiave nella creazione di nuove relazioni e significati. Il mezzo e il fine sono l’interazione col territorio, per valorizzarlo e renderlo fruibile appieno, e trasformare semplici spazi in luoghi di vita.

L’iniziativa “PER-CORSO HABITAT” è uno degli interventi promossi in tal senso > progetto-habitat.it

> >> Contesto e target.
L’iniziativa mira ad indagare la situazione sociale di uno spazio pubblico di fondamentale importanza nella città di Rovigo, il Corso del Popolo, da sempre la spina dorsale viaria del capoluogo polesano; particolarmente significativo per la trama di relazioni e fruizioni che potenzialmente possiede, ma che non riesce ad esprimere. Il tratto centrale della principale arteria cittadina è stato recentemente riqualificato attraverso un progetto che ha cercato di trasformare il Corso in una sorta di piazza lineare, con l’obiettivo di modificare la sua connotazione prettamente viaria.

La nuova sistemazione, conclusasi nel 2011, è oggi al centro di polemiche a causa del suo scarso carattere inclusivo e dell’assenza di funzione nella vita cittadina. Il Corso e la Piazza Matteotti - che ne rappresenta l’ideale inizio o conclusione - sono stati trasformati in spazi piacevoli e riqualificati, ma privi di vita. La maggior parte dei cittadini fruisce il Corso soprattutto come attraversamento, mentre categorie quali anziani e migranti sembrano essere quelle che - forse per mancanza di alternative - lo vivono realmente. A loro è rivolto il progetto. Il mercato settimanale è uno dei momenti privilegiati d’indagine nell’arco della settimana, in quanto evento in grado di condizionare le dinamiche di relazione. Attraverso la modalità della videointervista, vengono raccolte le proposte ed i pensieri dei frequentatori dello spazio, al fine di ricevere idee su come quello spazio possa diventare inclusivo sempre, non solo durante il mercato. L’intervento sfrutta proprio la metafora del commercio, capovolgendola, per dare visibilità alle proposte come se fossero i prodotti in vendita nel mercato della settimana successiva, attraverso l’allestimento di una postazione ambulante, vera e propria “bancarella delle proposte”, rese tangibili attraverso la restituzione di video, fotografie e testi. Cosa si trova al mercato oltre alle cose da comprare? Come può quello spazio diventare inclusivo sempre?

>>> Risultati attesi e metodi.
Questo intervento si attende di raccogliere direttamente dai cittadini proposte per migliorare la qualità della fruizione dello spazio preso in esame, attraverso una modalità partecipata e innovativa per il contesto rodigino.

Una modalità che intende sottolineare l'importanza del processo di dialogo con questi gruppi nel creare comunità, poiché li rende visibili, li “spiega” e contribuisce ad indebolire le barriere create dalle convenzioni sociali, attraverso l'interazione tra intervistatore ed intervistato. Coltivando l'abitudine a partecipare.

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…