Vincitore del premio Miglior Video del concorso "Bordertown, L'ho uccisa perché l'amavo", promosso dal FIOF - Fondo Internazionale per la Fotografia, Video e Comunicazione (fiof.it/index.php/news/ultime-notizie/bordertown-lho-uccisa-perche-lamavo.html)

STRONGER vuole essere una visione alternativa sulla tematica del Femminicidio. Il punto di vista è quello di una donna che è più forte (come da titolo) della malvagità che la circonda; è lei che decide di andarsene ed è lei che sopravvive. Non è il “sesso debole” come spesso viene considerata, non è donna vittima, donna angelo o donna oggetto, ma possiede una forza autodeterminante, differente da quella maschile.La colonna sonora originale, composta appositamente per il video da Mattia Brea, è volutamente totalizzante ed estraniante. Attraverso di essa lo spettatore viene immerso in un mondo che già conosce ma vede in una differente prospettiva: lui potrebbe essere potenzialmente qualsiasi uomo e lei qualsiasi donna. La televisione accesa, metafora del mondo esterno, è l’unico collegamento con la quotidianità e non viene mai spenta, nemmeno di fronte al peggiore degli orrori.Un ringraziamento speciale va a Beatrice Ceola e a Maksymilian Orzepowski per la magnifica interpretazione dei nostri personaggi!

Winner of the Best Video for the contest "Bordertown, I killed her because I loved her" promoted by FIOF - International Found for Photography, Video and Communication.

STRONGER wants to be an alternative view on the topic of Feminicide. The point of view is that of a woman who is stronger (as the title) than the cruelty surrounding her; she decides to leave and, eventually, she survives. She is not the weaker sex as she is often considered; she is not a victim, not an angel, nor an object. She possesses a strong self-determination; her strength is not weaker, just different from the male one. The original soundtrack, composed for the video by Mattia Brea, is deliberately overwhelming and estranging. Through the music, the spectators are led into the abyss of a world that they already know, though for the first time they see it in a totally different perspective – he might be any man, and she might be any woman. The Television is turned on - a metaphor of the external world – and it is the only connection with the everyday life. It is never turned off, not even in front of the worst crime. We have to THANK our great Beatrice Ceola and Maksymilian Orzepowski for the amazing performance of our characters!

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…