Oggi ci rivolgiamo a tutti colori che vogliono lavorare nel mondo della cooperazione e sono particolarmente sensibili alle tematiche ambientali. La cooperazione ambientale è un filone della cooperazione internazionale che promuove la conservazione ambientale come motore di sviluppo culturale, sociale ed economico delle popolazioni coinvolte. In sostanza, si cerca di raggiungere lo sviluppo socio-economico attraverso la protezione di un ambiente minacciato puntando sulla sua valorizzazione e sull’uso sostenibile delle sue risorse naturali, facilitando l’empowerment, il miglioramento delle condizioni di vita e la sensibilizzazione delle persone a cui appartiene di diritto.
Molte realtà sono attive in questo campo, dalle piccole Ong che promuovono interventi di conservazione in ambiti mirati a grandi associazioni internazionali nate come enti di protezione ambientale e che si stanno progressivamente avvicinando a tematiche proprie dalla cooperazione allo sviluppo.
A parlarci di questo ramo della cooperazione è oggi Guido Trivellini che ha trovato il modo di unire le sue tre grandi passioni: la biologia, l’ambiente e la cooperazione. Oltre a lavorare con il WWF in un programma internazionale di conservazione sulle Alpi, Guido è anche membro della cooperativa sociale Eliante, la cui missione è di supportare con contenuti ambientali le agenzie di sviluppo. Spesso, racconta Guido a margine di un corso della nostra School, il tema è poco considerato ma una maggiore integrazione tra le istanze delle cooperazione e il rispetto delle tematiche ambientale diventa sempre più importante. Tra i progetti sui quali sta lavorando ve ne è uno in Kenya con WWF e Mani Tese dove Eliante si occupa di sviluppare l’ecoturismo oppure insieme all’Ong italiana Asia nell’agro-pastorizia in Tibet.

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…