Gadget is a resume of installation by Francesca Modotti.

Gadget: Oggetto Facente Parte Della Categoria Degli Omaggi Di Un'Azienda Che Deve Avere I Riferimenti Principali All'Azienda.

GADGET e' il risultato finale di un processo concettuale a più fasi, che vuole mettere in scena il vuoto o il caos esistenziale e condividerne lo stato, rendendo volutamente riconoscibili coloro che - come me - ne sentono gli effetti. Gadget e' un omaggio invisibile della grande Società' contemporanea, al quale ho cercato di dare una forma, allo stesso tempo simbolica e concreta. Il nucleo di GADGET e' partito dalla ricerca di un paradigma capace di rappresentare l'azzeramento del senso, che provoca caos e molto spesso, vuoto. Ho scelto di utilizzare un pilastro culturale: il primo versetto del Vangelo di Giovanni -Ἐν ἀρχῇ ἦν ὁ λόγος - ("In principio era il Verbo"), già per se stesso oggetto di un dibattito acceso sul significato/significante.
Non solo. Ho scelto di utilizzare il versetto originale in greco antico tradotto in un codice tattile: il linguaggio braille. E della trascrizione braille ho usato il "negativo", la parte concava, quella che non può essere letta. In questo modo si è proceduto ad un azzeramento del senso codificato, non solo in termini concettuali ma anche in termini fisici, tattili, concreti.
Il negativo braille assurge così al paradigma sintetizzato di una Babele postcontemporanea
, macchiata di profanazione e svuotata di ogni connotazione (religiosa, mitica, storica, antropologica), dove il senso non ha lingua per nessuno e la lingua e' senza alcun senso per tutti.
Di qui l'assenza, il Vuoto,
L'installazione GADGET e' costituita da una lastra in resina su cui è stato stampato "il retro", ovvero la parte concava, del verso di Giovanni in alfabeto braille. La parte controbraille e' quella frontale, mentre l'altra rimane completamente piatta. La lastra viene introdotta nell'ambiente espositivo tramite fili invisibili, ad altezza uomo, in modo da essere osservata e toccata in tutti i lati.
Perche' il Vuoto non può più essere ne' visto ne' letto. Soltanto percepito: la lastra esprime una dimensione dove proiettare lo spettatore, come scendere dentro ad una metafora del "negativo del codice". Ovvero offrire una prospettiva dell'interiore e dell'insondabile, che è assolutamente relativa a ciascuno di noi, e per questo motivo priva di ogni forma di codificazione logica.
Come leggere il vuoto, il concavo, il Vuoto.
Dunque, dall'esperienza percettiva e simbolica del Vuoto, l'installazione prevede il suggerimento della condivisione di questo stato emotivo, esistenziale. Il tutto attraverso la distribuzione del gadget: una piastra sottile di alluminio, che può essere indossata a collana (come nelle migliori tradizioni dei gadget per i "brand" commerciali) recante il NO LOGOS, il negativo del versetto in braille.
Al di la' dell'atto provocatorio, l'intento non è quello di creare una casta di azzerati, di svuotati. Ma di lanciare un messaggio di solidarietà:
"Se sei vuoto, fammelo capire. Magari ci colmiamo".
(Francesca Modotti)

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…