Area archeologica etrusca e Museo Nazionale “Pompeo Aria” di Marzabotto nel Parco Storico di Monte Sole, provincia di Bologna, Emilia Romagna, Italia. Il comune di Marzabotto si sviluppa circa 20 chilometri a sud di Bologna, comprendendo i territori delle valli del fiumi Setta e Reno. Confina con i comuni di Monzuno, Grizzana Morandi, Savigno, Vergato, Monte San Pietro e Sasso Marconi. Il capoluogo è posto a circa 100 m. s.l.m., ma il suo territorio è in prevalenza montuoso; comprende fra gli altri Monte Sole, 628 m. s.l.m. Sono frazioni del comune Allocco, Gardeletta, Lama di Reno, Lama di Setta, Luminasio, Malfolle, Medelana, Montasico, Panico, Pian di Venola, Pioppe di Salvaro, Quercia, Sibano, Sirano e Sperticano. La presenza dell’uomo e delle sue attività nell’area comunale ha radici remote. In età antica essa assunse particolare rilievo nel sistema commerciale che gli Etruschi organizzarono fra Etruria, valle Padana e mare Adriatico, come punto di passaggio ma anche di produzione di manufatti rivolti ad acquirenti del bacino del Mediterraneo e dell’Europa continentale. Alla metà del VI secolo a.C. i primi coloni fondarono sul pianoro di Misano, poco più a sud dell’odierna Marzabotto, un nucleo di capanne, poi dal V secolo sorse una vera e propria città. La collocazione geografica fra centro e nord Italia, lungo una valle appenninica, favorì la nascita e lo sviluppo di una città etrusca a Marzabotto, ma si può osservare che posizione geografica, conformazione del territorio e vicinanza al capoluogo emiliano fecero da contesto e giocarono un ruolo importante anche nella storia successiva di questo comune.

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…