"In questa era elettrica ci vediamo tradotti sempre di più sotto forma di informazioni, in movimento verso l'estensione tecnologica di coscienza" (Marshall McLuhan)

Specchio dell'anima, è un video che si sposta in un analisi più filosofica, piuttosto che fisica/strutturale.
Il video è composto da una serie di riprese tramite web-cam, molto ingrandite e volutamente “pixellate” del mio occhio, montate, seppure con ritmo molto lento, con l'intento di seguire le estetiche del videoclip e in particolar modo del vjing.
L'immagine low resolution, se così la si vuole chiamare, è voluta sia per celare più efficacemente l'oggetto inquadrato, ma sopratutto per evidenziare la bellezza formale delle estetiche legate ai pixel e al digitale. Quando il digitale vuole solamente rimpiazzare gli ottimi risultati dell'analogico, non può che fallire, in quanto è un mezzo che non supera vecchie estetiche, ma ne crea di nuove. Tale estetica focalizzata sul digitale, è rafforzata dalla traccia audio: M9 di Alva Noto lievemente modificata. I microsuoni che la compongono sembrano sposarsi bene con il “brulichio” cromatico dei pixel.
La scelta dell'occhio, è stata molto ponderata, la credo infatti la parte del corpo che funge da porta tra l'interiorità e l'esteriorità umana; appunto: lo specchio dell'anima.
Per questo lo considero l'elemento umano meno rappresentabile in qualsiasi immagine, il mio esperimento è stato studiare la sua “freddezza” (o presunta tale) in un immagine rappresentata dal digitale più “grezzo”, più evidente, più “digitale”.

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…