Italy 2012 – 5'16" – Drama – 4:3
Directed by Adriana M. Soldini
Produced by Art Collective "Arts Factory"

with Donatella Schilirò
Screenplay Shooting and Editing Adriana M. Soldini
Work "Double Dream" by Donatella Schilirò
Music Kevin MacLeod

The mystical world of the Kabbalah and of Hasidism considers Darkness as the "inner shadow" of the human being, a dark reality, both physical and spiritual, which is hard to understand and frightening. It goes as far as to identify it as the big Reservoir of Light because Light and Darkness make the couple that originates the energy of the universe, as written in the ancient Zohar (The Book of Enlightenment): "leit nehora ela de nafiq migo chashukha (there is no Light except which emerges from Darkness)".
"Into the Darkness" deals with the tragedy of an apparently self-assured and fulfilled woman. Every day she wears a mask to cope with the careerist and competitive society in which she lives but this mask hides an inner malaise that is devastating her. One night, she becomes aware of her discomfort as she raises the rolling shutter of a warehouse.
In the Darkness, she spots a light source that emanates changing glares in the distance. Driven by curiosity, the woman heads towards the object but, as she approaches, her boldness gives way to apprehension. Inside a plexiglass parallelepiped, two neon profiles multiply themselves creating different colours and situations varying according to the point of view. The woman feels strongly attracted by it but at the same time dismayed. She bears up and starts to walk around it and to touch it. She understands that it is alive and tries to communicate with it. At the beginning she doesn’t understand anything but, as she remains close to the object, the language of the object becomes more and more clear. That light creature is her unconscious tortured by the idea of taking an extreme action: a conversation between two people, a profile repeated ad infinitum; profiles that are repeated on each wall like a crowd that gathers around somebody to listen. Such a long conversation ends in a tragic epilogue for the woman.
This is the mise-en-scène of the theory of psychiatrist Maurizio Pompili, who believes that suicide is the result of an inner dialogue. The mind enumerates all the options to solve a problem that causes an enormous pain until it is stricken by the idea of suicide and rejects it. But the idea resurfaces over and over and the mind keeps on refusing it while carrying on its survey. But, in the end, suicide appears to be the only available solution. A vision that has inspired Donatella Schilirò's "Double Dream", the work featured in the video with the artist that created it.
"Into the Darkness" is the performance for the on line closing day of the exhibition bearing the same name, hosted for the first time by the Cell63 artsgallery in Berlin from 14th July to 31st August 2012.

Italia 2012 – 5'16" – Drammatico – 4:3
Regia di Adriana M. Soldini
Prodotto dal Collettivo Artistico "Arts Factory"

con Donatella Schilirò
Sceneggiatura, Riprese e Montaggio Adriana M. Soldini
Opera "Double Dream" di Donatella Schilirò
Musica Kevin MacLeod

Il mondo mistico della Cabalà e del Chasidismo ritiene l’Oscurità sia "l'ombra interiore" dell'essere umano sia il buio di una realtà, fisica e spirituale, difficile da comprendere e che intimorisce. Si spinge oltre nel considerarla il grande serbatoio della Luce, poiché insieme sono la coppia dalla quale sgorga l’energia dell’universo, come è scritto nell’antico Zohar (Libro dello Splendore): "leit nehora ela de nafiq migo chashukha (non c'è Luce se non quella che proviene dall’interno dell’Oscurità)".
"Into the Darkness" sviluppa il dramma di una donna in apparenza sicura di sé e realizzata. Una maschera che indossa quotidianamente nella società arrivista e competitiva in cui vive, ma che nasconde un malessere interiore sempre più devastante. Il disagio si impone alla sua attenzione una notte in un delirio tra sogno e realtà. aprendo la saracinesca di un capannone industriale.
Nell'Oscurità, spicca in fondo una sorgente luminosa che emana riflessi cangianti. Incuriosita, la donna procede decisa verso l'oggetto, ma più si avvicina la spavalderia cede il posto all'inquietudine. Dentro a un parallelepipedo di plexiglas, due profili al neon si moltiplicano creando colori e situazioni differenti a seconda della visuale. La protagonista ne è fortemente attratta anche se la sua presenza le crea sgomento. Si fa coraggio e inizia a girarle intorno, toccandola. Sente che è viva e cerca un contatto più diretto per entrare in comunicazione con lei. All'inizio non comprende il suo linguaggio che perdurando la vicinanza diventa sempre più chiaro. Quella creatura di luce è il suo inconscio tormentato dall'idea di compiere un gesto estremo: un colloquio a due; un profilo ripetuto all’infinito; profili che si replicano su tutte le pareti come una folla che si stringe attorno ad ascoltare. La lunga conversazione riserva alla donna un finale tragico.
È la messa in scena di quanto asserisce lo psichiatra Maurizio Pompili, secondo il quale il suicidio è il risultato di un dialogo interiore: la mente passa in rassegna tutte le opzioni per risolvere un problema che causa estrema sofferenza. Emerge il tema del suicidio e la mente lo rifiuta e continua a farlo mentre prosegue la verifica, fino a quando non compare l'idea del suicidio come unica soluzione.
Una interpretazione che ha ispirato l'opera "Doppio sogno" di Donatella Schilirò, presente nel video insieme all'artista che l’ha prodotta.
"Into the Darkness" costituisce la perfomance per il finissage on web della mostra omonima, tenutasi in anteprima a Berlino alla Cell63 artsgallery dal 14 luglio al 31 agosto 2012.

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…