“Bug’s Game” di Contrappunto – Linee Indipendenti
Scenografie interattive di Aye Aye
Coreografie: Vittoria Brancadoro
Interpreti: Vittoria Brancadoro, Alice Guazzotti, Flora Orio

Quando lo spazio vitale di ogni individuo non ha alcuna restrizione, l’essere umano può decidere di liberarsi da ogni morale o responsabilità sociale, filtrando la realtà attraverso una routine egoistica che nel nuovo millennio minaccia di azzerare la comunicazione, la condivisione.
Se lo spazio si restringe ed obbliga ad una convivenza forzata, ecco invece emergere nell’uomo tutta la sua fragilità, l’incapacità del confronto e della responsabilità, ma anche l’inevitabile scontro fisico dal quale costruire un nuovo equilibrio nelle relazioni.
Tre danzatrici percorrono due fasci di luce, rappresentanti la quotidianità meccanica individualista. Attraverso il restringimento dello spazio comune entrano in contatto, si toccano, scoprono i sensi e questa invasione della sfera privata genera violenza a difesa della propria intimità.
È l’esplosione dell’istinto!
L’isterismo lascia spazio alla calma, lo spazio si riallarga e rimette il destino nelle mani di chi si interroga sul motivo delle proprie azioni.
Il nervosismo istintivo si è intanto trasformato in scoperta: la realtà non è come sembra, tutto si evolve in un nuovo contesto di condivisione.
Si cambia punto di vista. La complessa evoluzione fa si che si riconoscano tre persone in possesso della capacità di interagire, condizione fondamentale per creare legami ed evitare una deriva sociale.

///
“Bug’s Game” di Contrappunto – Linee Indipendenti
Interactive Sets by Aye Aye
Choreography: Victoria Brancadoro
Cast: Victoria Brancadoro, Guazzotti Alice, Flora Orio
When the living space of each individual has no restriction, the human being can decide to free themselves from any moral or social responsibility, by filtering out reality through a selfish routine that in the new Millennium threatens to clear communication and sharing.
If the gap narrows and obliges to a forced cohabitation that is instead emerge in man all its fragility, the inability of the comparison and responsibility, but also the inevitable physical confrontation from which to build a new balance in relations.
Three dancers take two beams of light representing the everyday mechanics individualist. Through the narrowing of the common space they come into contact, touch, discover their senses and this invasion of privacy begets violence in defense of their intimacy.
Is the explosion of instinct!
The hysteria leaves space for calm, space is expanding again and puts the fate in the hands of someone who is wondering about the reason for their actions.
Instinctive nervousness has meanwhile turned into discovery: the reality is not as it seems, everything evolves into a new context
The point of view now changes. The complex evolution makes you recognize three individuals having the ability to interact, fundamental condition to create ties and avoid a social drift.

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…