Il trailer inizia con Domenico a bordo di un gommone che lo sta portando a largo. Una serie di primi piani inquadrano il suo volto concentrato. Ad un certo punto stringe la mano di una persona vicina a lui e si getta all'indietro nell'acqua per immergersi. Domenico sta scendendo in profondità tenendosi stretto ad una corda. Ad un tratto nell'inquadratura rimane solo la corda, Domenico l'ha lasciata e nuota tra gli scogli ricoperti di alghe. Le sue mani sfiorano il tappeto di alghe. Domenico inizia la risalita verso la superficie. Quando finisce di parlare, sull'immagine delle bolle d'acqua provocate dalle bombole, compaiono i nomi dei cinque ragazzi che hanno partecipato alla realizzazione del documentario: Daniela, Domenico, Fabio, Gabriel e Rosa. Tutti e cinque appena svegli hanno raccontato i loro sogni. Tutti e cinque sono non vedenti dalla nascita. Quando la voce di Daniela comincia a raccontare del suo sogno, si alternano le immagini di lenzuola bianche stropicciate. Quando finisce il suo racconto, appaiono sullo schermo nero il titolo del documentario, Il sogno d'Omero (Homer's dream) e il suo autore, Emiliano Aiello.

IL SOGNO DI OMERO
un documentario di Emiliano Aiello
in preparazione
Ma cosa sogna chi vive nel buio? Quali colori, immagini, figure popolano la sua immaginazione?
Una ricerca del Laboratorio del Sonno dell’Università di Lisbona sostiene che i sogni dei non vedenti dalla nascita sono identici ai nostri: soggetti a colori e in movimento, figure umane, paesaggi naturali.
Ma è possibile che i contenuti siano gli stessi di chi può utilizzare la vista e uguale l'immaginario che li popola?
Concetti senza immagini, paesaggi senza colori, persone senza volti: la fase REM è il non-luogo dove avviene questo incantesimo.

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…