Quindi, il tema di oggi é: “IL LABIRINTO DELLA FEDE”

Quelli che sono caduti in questo labirinto non possono ritornare, anche se cercano di farlo. É una bestemmia imperdonabile.

Guarda, vicino a te c’é un buco, un precipizio dove possono cadere quelli che camminano. Ci sono persone che al momento dicono:

-“Come puó essere questo?”-

-“Come puó essere Lui, Dio?”-

-“Come? Se gli é successo questo, che se gli é successo quello …”-

E quindi, si fanno queste domande e dicono: -“La Bibbia é stata scritta molto tempo fa, questo sta lí da molto tempo. Io ho diritto ad interpretarla …”-

Una volta che tu cadi in questo, neghi la fede.

É per questo che Paolo dice lá, nella Seconda carta ai Tessalonicesi capitolo 2, versi dall’ 1 al 3:

“Peró rispetto alla venuta del nostro Signore Gesucristo,

e la nostra riunione con Lui vi preghiamo, fratelli, che non vi lasciate muovere facilmente dal vostro modo di pensare né vi confondiate…”

Dice il verso 3:

“NESSUNO VI INGANNI in nessuna maniera…”

benedetto…

“Badate bene, non sia che qualcuno venga meno alla grazia di Dio,

che spuntando qualche radice di amarezza, vi disturbi

e per essa molti siano contagiati;

non ci sia qualche fornicatore, o profano, come Esaú,

che per una sola pietanza ha venduto la sua primogenitura.

Perché sapete giá che in seguito, desiderando ereditare la benedizione,

é stato respinto e non c’é stata opportunitá per il pentimento,

sebbene l’abbia richiesta con lacrime.”

Ci sono cose che, poiché tu sei stato illuminato, non hanno perdono, benedetto.

Lí ci sará il pianto e lo stridore di denti. Tu sai cosa significa stare qui e per camminare nella maniera come stai camminando, ascolta, quando arriva la trasformazione… tu sai cosa significa per te restarne fuori?

-“No, questo é per gli empi”-

No! No, no, no, gli empi neanche a pensarlo, quelli scompariranno e non ci sará piú memoria di loro, ma tu?

Dice… Seconda ai Tessalonicesi capitolo 3, verso 6:

“Peró vi ordiniamo, fratelli, nel nome del nostro Signore Gesucristo,

che vi appartiate da ogni fratello …”

osserva che non dice: DA OGNI EMPIO

“…da ogni fratello che si comporti disordinatamente,

e non secondo l’insegnamento che avete ricevuto da noi…”

Se tu vedi in giro un fratello e lo vedi sempre ubriaco, o fumando come un turco, o facendo sempre baldoria e dice di essere un fratello, ed é un benedetto e usa la libertá come libertinaggio: da questo appartati, da lui.

Mantieniti saldo, guarda: il fondamento é stato posto, le 14 epistole di Paolo, queste sono le carte nelle quali tu devi mantenere la tua fede.

Loading more stuff…

Hmm…it looks like things are taking a while to load. Try again?

Loading videos…