1. http://www.mutazioniprofane.it

    Body Performance Art Festival - Teatro dell'Orologio (Roma) - Settembre 2009

    Concept
    KYRAHM

    Organizzazione e produzione
    JULIUS KAISER e KYRAHM

    Direzione artistica
    KYRAHM JULIUS KAISER SYLVIA DI IANNI

    Musica
    ALESSIO CONTORNI

    Performance Art
    ANGELO PRETOLANI
    KYRAHM
    JULIUS KAISER
    BLOODY CIRKUS
    FRANCESCA FINI
    SYLVIA DI IANNI

    La Performance art è una forma artistica dove l'azione di un individuo o di un gruppo, in un luogo particolare e in un momento particolare costituiscono l'opera.

    Negli anni ‘60 artisti provenienti dalla scuola tradizionale (pittori, scultori etc) iniziano ad utilizzare il canale corporale proponendo le "Azioni", un linguaggio estrapolato dal teatro. Alcuni studi accademici attuali sono orientati verso l'idea che il nuovo movimento contemporaneo non è altro che una evoluzione della body art, ricerca in crescita già dagli anni ‘90.

    L'espressione Human Installation, coniata per Kyrahm e Julius Kaiser, attribuisce un nome a questo nuovo linguaggio.

    "Mutazioni Profane" presso il Teatro dell'Orologio, è una sintesi dei loro percorsi di ricerca artistica: performance, body art, quadri viventi, installazioni umane e azioni estreme sul corpo

    La sfida è di proporre a teatro in uno spettacolo fruibile in un'ora, espressioni artistiche nate in tutt'altro contesto: dalla body art estrema dei rave party, alle azioni performative degli anni '60-'70, e le più sofisticate installazioni umane da museo d'arte contemporanea.

    Si tratta di un esperimento che non ha precedenti in Italia.

    L'evento si apre il 17 settembre a Piazza dell’Orologio con “Human Installation 0: Crisalide" di Kyrahm. L’installazione umana multimediale prevede la presenza di un enorme bozzolo-crisalide al centro della piazza nel quale l’artista vi rimane rinchiusa per 30 ore consecutive, vegliata giorno e notte dalla propria madre che provvede ai suoi bisogni primari, per poi rinascere e dirigersi verso il Teatro dell'Orologio aprendo il festival "Mutazioni Profane" presso la sala Orfeo il 18 con replica il 19 Settembre, tra Performance Art, Videoarte e musica.

    "Attraverso questa mia opera cerco di ritrovare il legame con mia madre. L'isolamento volontario è l'illusione di sentirsi al sicuro. La dimostrazione che rinchiudersi per difendersi in realtà ci espone maggiormente ai rischi: rimanendo incatenati agli schemi mentali della propria cultura si diventa invisibili".
    L'intera azione performativa è ripresa in live streaming ed è possibile interagire con Kyrahm via web.

    L’indomani l'artista ricomincia a nutrirsi e riprendersi a teatro per iniziare "Human Installation II: Life Cycle" ispirato alle fasi dell'esistenza dopo la nascita: i personaggi non sono attori ma soggetti reali: un neonato di 18 giorni che piange affamato, la pubertà che si copre imbarazzata, soggetti anziani che mostrano i loro vecchi corpi.

    Il filo conduttore dell’evento è il concetto di mutazione: corpi in evoluzione, body art estrema, metamorfosi. Ogni mutazione estetica, psichica, di genere, sessuale e ogni inflizione corporea è rappresentativa di una società liquida e in continua trasformazione dove l'opera d'arte deve perdere necessariamente il carattere di staticità che è tipico di altre espressioni.

    La body art estrema parte dall'assunto che tutto debba essere reale.

    “Human Installation III: Sacrifice” di Kyrahm, un omaggio a Ron Athey in collaborazione con i Bloody Cirkus, indaga il rapporto tra iconografia cristiana e bodyart estrema: l’artista piange davvero sangue davanti ad una crocifissione reale in cui veri e propri ganci affondano nella carne. Un’opera che esalta l’aspetto umano del Cristo.

    Una carne che è "Materia da modellare" nella performance "Human Installation I: Obsolescenza del Genere" di Kyrahm e Julius Kaiser scelta tra le 30 migliori performance gender exploration migliori del mondo negli USA, che racconta la transessualità FtM (da donna a uomo). La delicatezza e la crudezza si mescolano nelle varie rappresentazioni sull’amore: da "Human Installation VI: Domani ed ancora ieri" di Julius Kaiser che attraverso alcuni frammenti propone una riflessione sulla perdita e il ricordo, all’amore corrotto de "Il gioielliere" di Kyrahm e Julius Kaiser, che rappresenta il tema atavico delle differenze di classe e di genere, al rapporto tra vittima e carnefice proposto da Sylvia Di Ianni che indaga la sindrome di Stoccolma in “Nympholeptoi”, a Francesca Fini, documentatrice del lavoro di Kyrahm e Julius Kaiser che per la prima volta si misura con la performance art proponendo "Cry me". Sylvia Di Ianni offre inoltre un ribaltamento claustrofobico di Alice in wonderland con “Jumping on the ground”. L’evento ospiterà anche l'artista concettuale Angelo Pretolanidi Genova molto attivo sul versante della Performance Art negli anni '70.

    La raffinata colonna sonora è a cura del compositore Alessio Contorni, che eseguirà in un live set unico nel suo genere con strumenti musicali rarissimi.

    Extreme Gender art è un progetto di Performance Art che da qualche anno sta operando trasversalmente dalla scena underground alle mostre di arte contemporanea di alto livello.

    Per i forti contenuti proposti in talune performance si è vietato l’ingresso ai minori di 18 anni.

    # vimeo.com/14957681 Uploaded 7,327 Plays 1 Comment
  2. Woyzeck First Study is a project by Cercle realized in collaboration with Kyrahm e Julius Kaiser, Pino Genovese, Marina Sciarelli, Nicole Riefolo, Nonsolotango, Michael Ounsa.

    Performers: Souphiene Amiar, Livia Caputo , Julius Kaiser, Kyrahm, Michaël Ounsa, Stefano Rana
    Installation by Pino Genovese
    Installation and Costume Design by Marina Sciarelli
    Video-Installation Rusalka by Nicole Riefolo
    Performance "The Jeweler - Marie’s baby" by Kyrahm
    Live Music by NonSoloTangoTrio
    Live Set by Krish
    Stage Manager Isabella Di Cola
    Filming and Video Editing by Julius Kaiser

    26 May 2011 Rising love, Rome

    “Woyzeck primo studio” è il frammento iniziale di un progetto per tappe che coinvolge artisti di diversa provenienza, attraversando luoghi diversi per utilizzo e fruizione, alla ricerca di una totale fusione tra l’opera, lo spazio e chi lo abita.
    In questo caso Woyzeck incontra gli spazi del Rising Love, trasformandosi in un pezzo di teatro da discoteca, cioè un'opera teatrale da svolgersi con le stesse modalità e durata di una serata in un luogo di intrattenimento.
    L’opera dalla quale il progetto prende le mosse, Woyzeck di G. Buchner, è un testo rivoluzionario nella storia del teatro, perché rappresenta la prima tragedia che ha protagonista un proletario e non un principe, un re, un eroe, e perché composta di una serie di scene che non sono state messe in ordine dall'autore, ciascuna delle quali costituisce un frammento compiuto in sé.
    Il testo è stato ridotto a una serie di immagini e temi, in seguito affidati ad alcuni artisti provenienti da diversi campi: performance body art,musica , arti plastiche e video arte.
    Tutto il materiale prodotto nelle sue diverse forme sarà disposto su una scena unica a 360°, che resterà comunque un luogo di incontro per lo spettatore, libero di bere, ballare, guardare più o meno attentamente ciò che gli accade intorno.

    Durante tutta la serata la musica, quella della consolle del DJ e quella suonata dal vivo, sarà una presenza costante, che crea ambienti e paesaggi sonori, fino a sostituirsi completamente agli altri elementi presenti sulla scena, e a restituire lo spazio ospitante al suo utilizzo originale.

    # vimeo.com/30841792 Uploaded 33.4K Plays 1 Comment

EXTREME GENDER ART by Kyrahm + Julius Kaiser

KYRAHM + JULIUS KAISER Plus

Channel is dedicated to the events and productions of Extreme Gender Art by Kyrahm + Julius Kaiser

Browse This Channel

Shout Box

Heads up: the shoutbox will be retiring soon. It’s tired of working, and can’t wait to relax. You can still send a message to the channel owner, though!

Channels are a simple, beautiful way to showcase and watch videos. Browse more Channels.