1. Il 17 dicembre 2017, il neurochirurgo italiano prof. Canavero eseguirà il primo trapianto di testa umana.
    Non potendo eseguire l’intervento in Europa o in America per questioni etiche e di credibilità, il professore ha accettato di farlo in Cina. Avrà una clinica messa a sua disposizione a Harbin e un’equipe medica di 150 fra dottori e infermieri.

    Con la nuova produzione RADIO FRANKENSTEIN, spettacolo teatrale realizzato in collaborazione con il “Joint Research Center” della Commissione Europea, in bilico fra arte e scienza, la ricerca ruota intorno la tematica della creazione e manipolazione del corpo umano e delle sue parti, partendo dagli sviluppi tecnologici più attuali.

    CON: PATRIZIA BARBUIANI, SANTIAGO BELLO, LUCA DOMAS, ALESSANDRA FRANCOLINI, IGOR MAMLENKOV, DAVID MATTHÄUS ZURBUCHEN.
    CONCETTO, TESTO E REGIA: MARKUS ZOHNER
    VISUAL ARTIST E INTERACTION DESIGNER: 
SANDRO PIANETTI

    Cosa ti fa essere ciò che sei?
    Cosa mi fa essere ciò che sono? Sei un essere umano perché hai un cuore? Perché hai degli occhi, perché hai un cervello? Perché cammini in maniera eretta, perché ti accoppi con piacere? Perché sai leggere, perché sei capace di scrivere il tuo nome, perché riesci a ricordare, perché credi di sapere di esistere?

    Sei quell’uomo perché hai quel ginocchio, quel dolore alla spalla, quel cuore, quella preferenza per quel budino di vaniglia, quella fede in quel Dio, quel ricordo di quella nonna?

    Ha un’importanza da dove viene la tua mano? Il tuo stomaco? Il tuo canto? Ha un’importanza da dove vengono le tue parole? I tuoi reni?

    Ti risveglierai come uomo nuovo. Risorgerai dal disfacimento della vita, ringiovanito, abbellito, migliorato, completamente rinnovato.
    Con il tuo nuovo pene, creato dalle cellule coltivate del tuo cordone ombelicale.

    Con ovuli freschi, coltivati dalla tua propria pelle per prole senza tempo, impiantati nelle tue ovaie nuove di fabbrica, fecondati con sperma del tuo proprio patrimonio genetico, in mode che Tu, per sempre, Tu possa essere soltanto te stessa, Tu possa rimanere per sempre soltanto te stesso.

    Non abbia paura: non morirà. Le staccheremo soltanto dei pezzi e li sostituiremo con dei nuovi. La Sua anima sarà conservata e verrà trapiantata in una nuova presenza corporea.

    La MARKUS ZOHNER ARTS COMPANY, nel 2017 compie 30 anni di attività teatrale. Produce spettacoli teatrali, progetti artistici, podcast, offre masterclasses per teatranti, realizza esposizioni, mostre fotografiche e multimediali. Ha presentato le proprie produzioni in teatri e festival di tutto il mondo che hanno portato la compagnia a vincere molteplici premi teatrali, fra cui, nel 2000 il prestigioso Premio Svizzero della Scena.
    La compagnia fino ad oggi ha dato vita a più di 25 produzioni teatrali, di cui 12 in co-produzione con teatri e/o compagnie teatrali all’estero, portando la compagnia in tournée in tutto il mondo..

    Fra gli ultimi progetti è C.U.T! LA COLPA - progetto multipiattaforma intorno alla fallibilità dell’anima umana nasce “RADIO SCATENATA”, progetto radiofonico con detenuti del penitenziario La Stampa di Lugano, dal quale scaturiscono poi gli spettacoli teatrali “Proust In Prison” e “La Colpa”.

    La compagnia crea RADIO PETRUSKA, progetto radiofonico che si occupa della produzione di serie di podcast tra cui “The Sense of Life” e “La creazione del mondo” la compagnia si dedica ad incontri con artisti e scienziati di fama mondiale che sono alla ricerca delle origini del tutto (radiopetruska.com).
    Indagando sulla manipolazione dell’immaginario comune attraverso le storie raccontate dai media, dalla religione e dalla politica, nasce CAPPUCCETTO INFRAROSSO, spettacolo teatrale radiofonico (2016).

    Con la nuova produzione RADIO FRANKENSTEIN, spettacolo teatrale realizzato in collaborazione con il “Joint Research Center” della Commissione Europea, in bilico fra arte e scienza, la ricerca ruota intorno la tematica della creazione e manipolazione del corpo umano e delle sue parti, partendo dagli sviluppi tecnologici più attuali.
    RADIO FRANKENSTEIN, 200 anni dopo la scrittura del romanzo di Mary Shelley, viene creato per RESONANCES II Festival Milano 2017, esposizione con rappresentazioni e installazioni nate dalla cooperazione tra scienziati del JRC e artisti internazionali.

    Da settembre 2017, nel programma Tre Soldi, andrà in onda su RAI Radio3 LEGGERE PROUST IN PRIGIONE, l’ultimo documentario radiofonico prodotto dalla compagnia.

    RADIO FRANKENSTEIN
    Produzione: Markus Zohner Arts Company / Lugano
    zohner.com, markus@zohner.com
    +41796202362

    CON IL SOSTEGNO DI: CITTÀ LUGANO, MICHELE TOGNETTI, CENTRO SOCIALE ONSERNONESE, EVENTMORE: TECNICA EVENTI-SPETTACOLI-CONGRESSI

    # vimeo.com/233482351 Uploaded 698 Plays 0 Comments
  2. Sette registrazioni di Markus Zohner con grandi scienziati che sono alla ricerca delle origini del tutto.
    Ascoltali sull'app gratuita di RADIO PETRUSKA (App Store e Google Play) e trova tutte le informazioni su radiopetruska.com
    Informazioni: info@radiopetruska.com

    Dettagli: zohner.com/release/la-creazione-del-mondo-dal-big-bang-al-pensiero-umano-mille-domande-a-grandi-scienziati-che-sono-alla-ricerca-delle-origini-del-tutto/

    Cosa era in principio, se non la parola?
    Cosa significa la creazione del tempo, dello spazio, della materia? Perchè nell’ Universo sembra esistere più materia che antimateria? Cosa sono i superammassi, come nascono le galassie e cosa fa esplodere una supernova? Perchè e come si forma una stella, e i pianeti sono le briciole? Ma di che cosa? Nel nostro Sole si trovano gli stessi elementi che si trovano sulla Terra? È possibile riprodurre le reazioni fisiche del Sole in laboratorio? Potrebbe questo risolvere le nostre richieste energetiche? Cosa è stato esattamente a far nascere la vita? Da dove, originariamente, arriva il materiale del quale siamo fatti? Come si è creata l’atmosfera della Terra e quanto è stabile il suo equilibrio ecologico? Quante persone il pianeta potrà ancora sopportare? Le piante hanno un’ intelligenza? Perché e in che momento è nato il pensiero umano?
    Chi siamo, dunque?
    Mille domande per indagare sulla nostra storia, sulla nostra provenienza, sulla nostra esistenza.
    Sette incontri di Markus Zohner con grandi scienziati che sono alla ricerca delle origini del tutto.

    Dando il via ad un nuovo progetto teatrale e culturale pluriennale, con il ciclo di sette incontri La creazione del mondo – Dal Big Bang al pensiero umano, la Markus Zohner Arts Company, insieme a grandi scienziati del mondo dell’astrofisica, della fisica e della biologia, vuole cercare di raccontare, allo stato attuale delle scoperte scientifiche, la nascita di tutto: dell’Universo, dello spazio, del tempo, della luce, della materia inorganica e organica, della vita e, infine, del pensiero umano.

    # vimeo.com/168678859 Uploaded 153 Plays 0 Comments
  3. Con: Andrea Baldassarri, Camilla Delpero, Gabriele Marangoni, Francesca Sproccati, Markus Zohner, David Matthäus Zurbuchen

    Musicista: Gabriele Marangoni

    Testo e regia: Markus Zohner
    Con testi di Marcel Proust.

    Consulente criminologa: Laura Pedevilla

    Regia video e montaggio di Patrick Botticchio
    Video prodotto per la RSI

    Sei persone.

    Testi. Danza. E una trama musicale impercettibile.

    Dopo il progetto radiofonico RADIO SCATENATA, che vedeva come protagonisti i detenuti del carcere La Stampa, e dopo lo spettacolo teatrale interattivo PROUST IN PRISON, la Markus Zohner Arts Company, nella sua ricerca teatrale sulla fragilità e sulla fallibilità dell’anima umana, si confronta con una delle domande più essenziali dell’uomo: la colpa.

    LA COLPA

    Uno spettacolo che questiona, uno spettacolo che disturba, uno spettacolo che dubita.
    Una rappresentazione che è una conseguenza e un’evoluzione dei precedenti lavori della compagnia con i detenuti, con persone che, secondo i parametri della nostra società, sono diventati colpevoli e che dalla stessa sono stati giudicati tali.
    Un tema umano enorme che suscita grandi domande: come gestiamo questo fenomeno umano, psicologico, etico e morale davanti a noi stessi, davanti alle persone che ci circondano e di fronte alla società nella quale viviamo?
    Esiste una possibilità di liberarci da una colpa?
    Sono sufficienti le risposte del sistema giudiziario, le risposte della chiesa, le risposte che diamo a noi stessi, per poter andare avanti in maniera positiva, in maniera umana, in maniera serena?

    Quali sono le tue colpe?
    A chi il giudizio?
    Quanto dobbiamo umiliarci ed essere umiliati per poter essere liberati dalla nostra colpa?

    Hai rubato? Hai mentito? Hai tradito? Hai ucciso?
    In RADIO SCATENATA abbiamo rivolto queste domande ai detenuti.
    In PROUST IN PRISON le abbiamo rivolte agli spettatori.
    In LA COLPA le rivolgiamo a noi.

    # vimeo.com/197893885 Uploaded 235 Plays 0 Comments
  4. SPETTACOLO MUSICALE, CON MUSICA SPETTACOLARE, SENZA E CON PAROLE. RICORDANDO L’ERA PIÙ GRANDIOSA DI TUTTI I TEMPI, L’ERA CHE STA PER FINIRE: LA NOSTRA.

    Con: Alan Alpenfelt, Adele Raes, Markus Zohner, Mattia Martelli, David Matthäus Zurbuchen

    Concetto, testo e regia: Markus Zohner
    Band: Black Fluo

    Prima assoluta: 23 novembre 2012, Lugano
    Tournée mondiale: da primavera 2015

    APOCALYPSE 2072 | end.begin

    # vimeo.com/64868985 Uploaded 510 Plays 0 Comments
  5. Spettacoli teatrali, presentando il progetto radiofonico RADIO SCATENATA, creato con detenuti del carcere LA STAMPA di Lugano.

    Titolo dello spettacolo: PROUST IN PRISON (Work in progress) | Sottotitolo: ALLA RICERCA DI UN TEMPO PERDUTO | Creazione, durata del progetto: 2013 -2014 | Anteprime: 8 / 9 e 10 novembre 2013, Teatro Foce, Lugano | Autore: Markus Zohner | Attori: Alan Alpenfelt, Markus Zohner | Assistenza: Porzia Zara | Costumi: Valentina Forbicetti | Musica: Gail Priest | Illustrazione: Mattia Martelli | Direzione artistica e regia: Markus Zohner | Produzione esecutiva e coordinamento: Maddalena Massafra | Consulenza e marketing: David M. Zurbuchen | Fotografia e Filmmaking: Patrick Botticchio | Linea grafica: Edy Ceppi | Tecnica audio: Studio XRaY, Lugano | Tecnica luci: IRADIA | Produzione: Markus Zohner Arts Company, Lugano | Target: pubblico adulto | Lingua: Italiano | Destinatari: 20 spettatori per spettacolo

    Cent‘anni dopo la nascita della grande opera di Marcel Proust, la Markus Zohner Arts Company legge „Alla ricerca del tempo perduto“ con detenuti del penitenziario LA STAMPA di Lugano.
    Nasce un progetto radiofonico e teatrale toccante, di grande impatto e profondità.
    „Proust in Prison – alla ricerca di un tempo perduto“ è un progetto artistico sulle grandi domande della vita che è nato da un progetto radiofonico con detenuti del penitenziario LA STAMPA di Lugano: RADIO SCATENATA.

    Durante sei mesi, i due ideatori Alan Alpenfelt e Markus Zohner si sono recati al penitenziario LA STAMPA, per sviluppare un progetto di una radio fatta da detenuti.

    A conclusione del progetto radiofonico RADIO SCATENATA, la Markus Zohner Arts Company ha voluto presentare al pubblico il risultato del proprio lavoro, dando la possibilità ai detenuti di far uscire la propria voce dalle mura del carcere e portando- la nella società. Quella stessa società che li ha esclusi per un certo periodo di tempo, ma per i quali è anche responsabile.
    Si è trattato di un processo artistico e umano importante e lungo, che ci ha portato a capire che non sarebbe stata possibile la “presentazione” di RADIO SCATENATA, senza una messa in gioco di chi fosse venuto ad ascoltare.
    È nato, così, il progetto PROUST IN PRISON – Alla ricerca di un tempo perduto, un even- to teatrale “interattivo”, finalizzato a mostrare il percorso svolto all’interno del carcere, con il coinvolgimento diretto del pubblico. Per preservare il contatto tra i partecipanti e la relazione umana, il numero di spettatori è stato limitato a 20 per spettacolo.

    Cosa vorrebbero comunicare dei carcerati attraverso questo mezzo al mondo esterno?
    Cosa sono le loro visioni rispetto alle domande più urgenti della vita? Che significato prendono per un detenuto lo spazio, il ricordo, l’amore, la morte, il tempo?
    Cosa vuol dire dover stare senza le persone e le cose a noi più preziose, e in che maniera cambia lo sguardo sulla libertà una volta che ne siamo privati?

    Gli incontri con i detenuti, dal primo momento sono stati molto intensi e profondi, e sono nate delle trasmissioni piene di sincerità, ironia e grande umanità.
    Cent‘anni dopo la nascita della sua più importante opera „Alla ricerca del tempo perduto“, abbiamo scelto la figura di Marcel Proust quale filo conduttore del progetto poiché lo scrittore decise di rinchiudersi in una stanza senza finestre, insonorizzata, in solitudine, rimanendovi per diversi anni per poter dedicare tutta la sua attenzione, concentrazione e forza alla creazione del suo romanzo.
    Questa prigionia voluta e forzata gli permise un’introspezione e un’analisi accurata che gli diedero modo di descrivere minuziosamente i suoi ricordi della fanciullezza, i primi amori, momenti intimi, fornendo un affresco singolare dell’epoca.

    Abbiamo iniziato a leggere il testo con i detenuti risalendo a momenti particolari descritti dall’autore, come il doversi coricare la sera, bambino, senza la presenza di sua madre, o come il riaffiorare di ricordi intensi attraverso il gusto di una madeleine intinta nel tè.

    Attraverso la lettura i detenuti, non prigionieri volontari come Proust, ma uomini catturati che stanno scontando una pena, parlano del loro addormentarsi solitario in cella, ricordano i gusti forti della loro terra, confidano la lotta alla disperazione cupa grazie ai ricordi di una figlia, si interrogano e interrogano gli altri su tutto ciò che li accomuna in questo tempo senza tempo, all’interno di una prigione, e vanno con determinazione, sincerità, autenticità alla ricerca di un tempo perduto.

    Fra uomini e donne liberi e uomini imprigionati il filo corre sulle onde radiofoniche di Radio Scatenata per avvicinare due realtà che stanno agli antipodi, che non si toccano materialmente ma che si compenetrano attraverso testimonianze umane.

    Ulteriori informazioni: zohnertheater.ch

    # vimeo.com/80604422 Uploaded 330 Plays 0 Comments

MARKUS ZOHNER THEATER COMPAGNIE

Markus Zohner Plus

Videos about the Company's work all over the World

Browse This Channel

Shout Box

Heads up: the shoutbox will be retiring soon. It’s tired of working, and can’t wait to relax. You can still send a message to the channel owner, though!

Channels are a simple, beautiful way to showcase and watch videos. Browse more Channels.