Emanuele de Raymondi

  1. Music: Emanuele de Raymondi
    Video: Dan Browne

    Taken form the album EXUL out on ZEROKILLED MUSIC
    Order on zerokilledmusic.com/store

    Listen on Spotify : spoti.fi/2gHQly5
    Buy on iTunes: apple.co/2gc2mLG
    Buy on Amazon: amzn.to/2gYs4Sz
    Buy on Bandcamp: http://bit.ly/2g0xCyO
    Listen on Soundcloud: http://bit.ly/edrexul

    "...Nevertheless, the pulse that rose
    and fell in its abyss,
    the cracking of the blue cold,
    the gradual wearing away of the star,
    the soft unfolding of the wave
    squandering snow with its foam,
    the quiet power out there, sure
    as a stone shrine in the depths,
    replaced my world in which were growing
    stubborn sorrow, gathering oblivion,
    and my life changed suddenly:
    as I became part of its pure movement."

    (Pablo Neruda, On the Blue Shore of Silence)

    ABOUT THE ARTIST | EMANUELE DE RAYMONDI:

    Emanuele de Raymondi is a music composer based in Rome, Italy. He graduated in composition at the Berklee School of Music (Boston) and in modern guitar at the Musicians Institute (Los Angeles). His work is influenced by electronica, contemporary classical, sound art and minimalism. He composed music for several films such as Saro (Turin Film Festival 2016), Arianna (Venice Film Festival, BAFTA 2015), Waves (Rome Film Fest 2013). He collaborated with dancers of the Opera de Paris and scored music for several 3d mapping shows including Vivid Sidney. His music have been performed at numerous international festivals and venues such as Tribeca New Music Festival, Istanbul New Music Days, Venice Biennale, The Stone.
    De Raymondi's albums include Buyukberber Variations, a collaboration with Turkish clarinet virtuoso Oguz Buyukberber, Ultimo Domicilio, a sonorization of photographer Lorenzo Castore’s work and his most recent Ep EXUL.

    ABOUT THE ALBUM | EXUL:

    "The 3 tracks in the Exul Ep were conceived as a soundtrack to an imaginary journey away from the homeland.
    Far from home and, musically, far from my comfort zone.
    Unlike my previous releases, were I explored the sound of acoustic instruments with heavy digital processing,
    this is a mostly electronic work based on synthesizers with added piano and strings." EdR

    MORE INFO:
    zerokilledmusic.com

    # vimeo.com/194673405 Uploaded
  2. Music by: Emanuele de Raymondi
    Video by: Peter Mettler
    From the album "Buyukberber Variation"
    out now on ZerOKilled Music - zerokilledmusic.com

    ABOUT 'BUYUKBERBER VARIATIONS'

    In this debut album out on Zerokilled, De Raymondi interprets the evocative improvisations by Turkish virtuoso clarinetist Oguz Buyukberber through mesmerizing elec- tronic manipulations.
    The only sound source of the 10 tracks that make up the album is Buyukberber's clarinet: the improvisation sessions were recorded by De Raymondi in Berlin in a unique architectural space, with a natural reverberation time of 10 seconds -
    no digital effects or additional instruments were used during the composition.
    The sound of Buyukberber's clarinet is transformed and stratified by the experimental composer resulting in a style that cohesively combines electronica, jazz, ambient and minimalism.
    With 'Buyukberber Variations' De Raymondi explores the relationship between sound, space and perception, pointing to new sonic directions that place him as brilliant new voice in contemporary music.

    ABOUT THE FILM-MAKER PETER METTLER

    Peter Mettler is one of the more distinguished directors in contemporary Canadian film. He is known for a diversity of work in image and sound mediums – foremost for his films such as “Picture of Light” and “Gambling, Gods and LSD” but also as a photographer and groundbreaking live audio/visual mixing performer. His work bridges the gap between experimental, narrative, personal essay, and documentary. He has collaborated with an extensive range of international artists (such as Richie Hawtin, Monolake, Jim O'Rourke, FredFrith), and has been honored with awards and retrospectives worldwide. His movie "The End Of Time" has been recently premiered at Toronto Film Festival.

    # vimeo.com/50769502 Uploaded
  3. From "Ultimo Domicilio" Out on ZerOKilled Music (Fall 2013 / zerokilledmusic.com)
    Music by Emanuele de Raymondi
    Photography by Lorenzo Castore
    Animation: Daniele Spano'
    _______________________________________________

    NOTE FROM THE ARTIST (En): Lorenzo Castore / Photographer

    The second domicile is a house in Fontenay Mauvoisin, half hour out of Paris. It was the house of the mother of Gabriel Bauret, a unique lady of russian origins who spent there a long part of her eventful and singular life, far away from the jet set and the art social life, devoting herself - first with her husband, then alone - to the family and to the growth of her inner world and vision through painting, studying and music. Since the day of her passing - about seven years ago - her son kept the house like it was, almost untouched.

    _______________________________________________

    NOTE DELL'ARTISTA (IT) : Lorenzo Castore/ Fotografo

    Questa casa è a Fontenay Mauvoisin, piccolo villaggio a mezz'ora da Parigi. E' stata la casa della madre di Gabriel Bauret (noto critico e studioso di fotografia e semiologia) una signora molto speciale di origini russe che ha passato in questa casa una importante parte della sua vita che è stata ricca di eventi singolari e intensi, da un certo momento in poi vissuta lontano dal jet set e dal socialità proprio degli ambienti artistici, dedicandosi - prima insieme al marito e poi da sola -
    alla famiglia e allo sviluppo del proprio mondo interiore e della propria visione attraverso la pittura, lo studio e la musica. Dal giorno della sua morte per anni il figlio ha mantenuto la casa cosi com'era, praticamente intaccata.

    Uploaded
  4. From "Ultimo Domicilio" Out on ZerOKilled Music (Fall 2013 / zerokilledmusic.com)
    Music by Emanuele de Raymondi
    Photography by Lorenzo Castore
    Animation: Daniele Spano'
    _______________________________________________

    NOTES FROM THE ARTIST (En): Lorenzo Castore/ Photographer

    The forth house is my house and it was in Krakow, Poland. For six years it was the center of my life and a very special place where was beautiful to be, to come back and to hide. My place, the only one I've ever felt this way. A beginning, a neutral space for sharing. It was quiet empty for some time, then slowly filled with old new things that soon become familiar mixed with pieces of my life before and my friends various stuff left as sign of the time there together.

    _______________________________________________

    NOTE DELL'ARTISTA (IT) : Lorenzo Castore/ Fotografo

    L' ultima casa è la mia, l'unica che ho mai posseduto e che ho sentito davvero tale.
    Non esiste più, l'ho venduta dopo sei anni, nel marzo del 2010 ad una giovane coppia che ora aspetta un bambino. Era a Cracovia, in Polonia, al 27 di ulica Zamoyskiego ed è stata il centro della mia vita e del mio lavoro, che poi sono la stessa cosa. Quando dico della mia vita lo intendo letteralmente, e mi riferisco alla vita che ho scelto dal momento in cui mi sono sentito liberato dagli obblighi della tradizione familiare: un individuo e non più soprattutto il frutto di un ambiente e di un contesto del quale non mi sono mai sentito completamente parte.
    Un misto delle prime due case, un invito all'azione, un punto di partenza.
    E' stata una casa vuota per molto tempo, all'inizio c'era solo una grande mappa politica dell'Europa del 1965, una Madonna di gesso e un letto. Nel tempo ha preso forma, alcuni mobili sono arrivati dalla casa di New York dove mio padre ha vissuto i suoi anni più belli e il resto da case di contadini polacchi che vendevano ai mercatini della domenica vecchi mobili di legno che non usavano più. Una cosa alla volta, con calma, vecchie foto (soprattutto di coppie), bicchieri scompagnati, bottiglie vuote, lampade, libri, vecchi nuovi oggetti che sono presto diventati familiari e pezzi della mia vita di prima mischiati a cose altrui che amici avevano lasciato come segno del loro passaggio.
    Una casa pronta ad accogliere di cui in tanti hanno avuto le chiavi, una specie di ambasciata di un mondo speciale dove era bello stare, tornare e nascondersi.
    Quando ho cominciato a impacchettare tutto per il trasloco cercavo dei giornali dove avvolgere piatti e bicchieri e ho trovato una scatola di cartone, lasciata non so da chi, piena di riviste d'epoca, numeri di Newsweek e di mensili russi e polacchi degli anni '60 e '70. Ho deciso di usarli comunque, per dare importanza ai miei bicchieri, ma ogni foglio che estraevo era troppo ricco di significati personali per essere accartocciato in uno scatolone e allora appendevo ogni foglio al muro, dove erano rimasti dei chiodi: un giovane direttore d'orchestra, un disegno che spiega le linee della mano, animali selvaggi, una foto del Colosseo, l'alluvione di Firenze, una riunione strategica presieduta da Lenin, dei soldati spersi in un bosco, la mappa dell'Etruria.

    Uploaded
  5. From "Ultimo Domicilio" Out on ZerOKilled Music (Fall 2013 / zerokilledmusic.com)
    Music by Emanuele de Raymondi
    Photography by Lorenzo Castore
    Animation: Daniele Spano'

    _______________________________________________

    NOTE FROM THE ARTIST (En): Lorenzo Castore / Photographer

    This house was on Grand street in Brooklyn, New York. It was Adam Cohen's apartment for 25 years. Adam is a dearest friend and a very special artist, jewish New-york born film-maker with bielorussian-austrian origins. He lost his father Sid Grossman in a very early age and through the years he built with him a lifelong inner dialogue turned to a father figure generating pure and metaphysical beauty. An example. In the 40's and 50's Sid was an influent and radical New York photographer and teacher, friend of Lisette Model, Louis Faurer and Woody Guthrie among the others. A person full of humanity and dedication to the grown of himself through consciousness and open earth to the world.
    This apartment concentrates in itself a complex and rich inner world, an universe determining a precise sense of belonging that is the the deepest sense of feeling part of a family or familiar with something and somebody. Memories, objects, photographs, reproductions, images of people close by direct knowledge or election. Many little things apparently insignificant irradiating beauty. The concentration of traces and symbols of a wide sentimental education in a limitated space. The meter of the common lapsing as well. New York was the icon of starting from zero (a new life, a new family, a new home): it is so important to have references and some direction when your origin is obscure. Grand street apartment doesn't exist since August 2010 but it will reborn somewhere else, different but the same. Miriam, Adam's mother, visting the empty apartment just before giving back the keys to the landlord, told me on the phone: "Here's completely empty. It's beautiful, it's the little museum of innocence!"

    _______________________________________________

    NOTE DELL'ARTISTA (IT) : Lorenzo Castore/ Fotografo

    La quarta casa è a New York, al 43 di Grand street a Brooklyn, a due passi dal ponte di Williamsburg. E' stata la casa di Adam Cohen per 25 anni.
    Adam è un caro amico e un artista speciale, per me fonte di ispirazione e uomo di rara purezza.
    Film-maker ebreo di origine bielorussa e austriaca, ha perso il padre a soli due anni e con lui ha costruito un dialogo interiore che si è sviluppato per tutta la vita attraverso la ricerca di sè passata tra fasi di dolorosa immobilità alternate ad altre di scintillante grazia, con il cuore sempre rivolto ad una figura che è stata continuo generatore di metafisica bellezza.
    L'origine reale (ma fisicamente assente da quasi sempre) di questo esempio è stato il padre, Syd Grossman, influente e radicale fotografo della New York del primo dopoguerra, amico di Lisette Model, Louis Faurer e Woody Guthrie, maestro di Leon Levinstein, e persona pervasa di non comune umanità e dedizione alla crescita di sè e all'apertura verso l'altro.
    Questo appartamento ha concentrato in sè un complesso e ricchissimo mondo interiore, un universo che ha determinato un preciso senso di appartenenza che è il senso più profondo del sentirsi famiglia e quindi familiare con qualcuno o qualcosa: ricordi, oggetti, fotografie, riproduzioni, immagini di persone vicine per conoscenza diretta o elezione, tante piccole cose apparentemente insignificanti irradianti bellezza, la concentrazione in uno spazio chiuso delle tracce e dei simboli di ciò che forma, che è anche il metro della comune caducità.
    Questo ha un valore ancora maggiore quando si parla di una famiglia di emigranti parte di un popolo in perpetua migrazione per ragioni storiche che non c'è qui bisogno di ricordare: New York è il luogo-simbolo dove si costruisce da zero (una nuova vita, una nuova famiglia, una nuova casa) portando dentro di sè i riferimenti che indicano la direzione e che sono ancora più importanti quando il nostro luogo d'origine è oscuro. Questo è il fine necessario dell'arte, il conforto di un rifugio, quando ci si sente persi e non si sa più in cosa confidare, farci sentire parte della stessa famiglia, figli di un mondo incomprensibile ma in cui tutti abbiamo la stessa origine.
    La casa di Grand street non esiste più dall'agosto 2010, e si riformerà da qualche altra parte, diversa ma sempre uguale: Miriam, la madre di Adam, vedendo l'appartamento a lei così familiare ma ormai vuoto poco prima di essere definitivamente restituito al proprietario, al telefono mi ha detto: "Qui è tutto vuoto. E' bellissimo, è il piccolo museo dell'innocenza".

    Uploaded

Emanuele de Raymondi

ZEROKILLED MUSIC PRO

Browse This Channel

Channels are a simple, beautiful way to showcase and watch videos. Browse more Channels.