1. "No man is an island"
    (video-interview to Leopoldo Maria Panero)
    Full HD - 18'00''
    Las Palmas de Gran Canarias, Spain - 2011/12

    The video-interview to the Spanish poet Leopoldo Maria Panero continues the project started in Italy with the poetess Alda Merini. The search for the boundary between poetry and madness, understood as a creative force, is answered in the words of the international literary characters, who have lived experience of the asylum. For Panero, as Alda Merini, many in the past have come to rely on a Nobel nomination, never arrived, no one can say whether discrimination against them. Panero has lived for 8 years in Las Palmas, an island so far from his native land. At home he had spent the previous 14 years in the asylum of Mondragon. Filming in Las Palmas, in the form of experimental documentary, lasted two days. A short term to describe a mind so complex, but the short time we had is one of the keys to understanding the material assembled. The meeting, almost unplanned, enforced within certain limits of space/time, take the traits of an impromptu performance, where the poetic sentiment reveals and conceals, according to the mood of the protagonist. The video, even when mounted, can not follow a linear direction, and the portrait that emerges of the Spanish poet is faithful to the experience with him. An alternating rhythm, made of shots and answers with literary quotations in French, Italian, English, seamlessly.
    A man of great charm, Leopoldo Maria Panero passes from laughter to anger, to powerful gestures, as if he want to reaffirm, in the behavior, the expressionism of his works.

    .....................................................................................................................................................................................

    "Nessun uomo é un'isola"
    (docu-intervista a Leopoldo Maria Panero)
    Full HD - 18'00''
    Las Palmas de Gran Canarias, Spagna - 2011/12

    La videointervista al poeta spagnolo Leopoldo Maria Panero prosegue il progetto iniziato in Italia con la poetessa Alda Merini. La ricerca del limite tra poesia e pazzia, intesa come forza creativa, trova risposta attraverso le parole di personaggi della letteratura internazionale, che hanno vissuto esperienze di manicomio. Per Panero, come per Alda Merini, molti in passato sono arrivati ad invocare una candidatura al Nobel, mai arrivata, nessuno può dire se per discriminazione nei loro confronti. Panero vive da 8 anni a Las Palmas, isola così lontana dalla terra natale. In patria aveva passato i precedenti 14 anni, all'interno del manicomio di Mondragon. Le riprese a Las Palmas, in forma di documentario sperimentale, sono durate due giorni. Una durata breve per descrivere una mente così complessa, ma proprio i tempi ristretti sono una delle chiavi di lettura del materiale montato. L'incontro, quasi non programmato, forzato entro determinati limiti spazio/temporali, prende i tratti estemporanei di una performance, in cui il sentimento poetico si rivela e si nasconde, secondo gli umori del protagonista. Il video, anche quando montato, non può seguire una direzione lineare e il ritratto che scaturisce del poeta spagnolo é fedele all'esperienza vissuta con lui. Un ritmo alternato, fatto di scatti e risposte in citazioni letterarie in francese, italiano, inglese, senza soluzione di continuità.
    Uomo di grande fascino, Leopoldo Maria Panero passa dal riso alla rabbia a gesti forti, quasi a ribadire nel comportamento l'espressivismo delle sue opere.

    # vimeo.com/144979597 Uploaded 437 Plays 0 Comments
  2. La metamorfosi di Narciso

    video by: Tommaso Pedone

    Italy - 2011 - Full HD

    00' 20'' (loop)

    Performers: Lorenzo Piscopiello - Rocco D'Andrizza

    Revisiting the myth of Narcissus, the video focuses on the combination of myth/reality, past/present, nature/industry. The screen is split in two parts, a tribute to Salvador Dalì, referenced in the title. The attraction for the superficial beauty of things, depicted on the left by a classic iconography of Narcissus, contrasts with the representation on the right of the screen, where a different Narcissus, no longer young, is played by a homeless.

    The metamorphosis is a natural transformation, the transition from the western standard of living from the Eighties to the present day. The ideal green landscape with the boy at the center can't be reflected in the hard concrete, leading the narcissistic individualism to the limits of nichilism. The displacement of the contemporary human being, under the weight of internal frustation, returns cyclically between past, present and future, like a snake biting iys own tail.

    Narcissus seeks the meaning in its continuous revival. The gesture of waking of the characters, like a mantra, goes away by the appearance of things and becomes research, meditation ad infinitum.

    ..................................................................................

    Italia - 2011 - Full HD

    00' 20'' (loop)

    Performers: Lorenzo Piscopiello - Rocco D'Andrizza

    Rivisitazione del mito di Narciso, il video concentra l'attenzione sul binomio mito/realtà, passato/presente, natura/industria. Lo schermo é diviso in due parti, in omaggio all'opera di Salvador Dalì a cui fa riferimento il titolo. L'attrazione per la bellezza superficiale delle cose, sulla sinistra raffigurata da un'iconografia classica di Narciso, contrasta con la figura sulla destra dello schermo, dove un Narciso diverso, non più giovane, é impersonato da un senzatetto.

    La metamorfosi é una trasformazione naturale, passaggio dal tenore di vita occidentale anni '80, ai giorni nostri. L'ideale paesaggio verde con al centro il fanciullo non si riflette nel duro cemento, portando l'individualismo narcisista ai limiti del nichilismo. Lo spaesamento del soggetto contemporaneo, sotto il peso della frustrazione interiore, ritorna ciclicamente tra passato, presente e futuro, come un serpente che si morde la coda.

    Narciso cerca il senso nel suo continuo risveglio. Il gesto, ripetuto come un mantra dai due personaggi, allontana dall'apparenza delle cose e diventa ricerca interiore, meditazione infinita.

    # vimeo.com/32995403 Uploaded 277 Plays 1 Comment
  3. Belgium/Italy - 2010/2011

    Directed and edited by: Tommaso Pedone

    Performer: Lies Serdons

    Actor: Dino Arteconi

    Music: Daina Dieva

    AtomycArt Production

    Independent film which is a tribute to the controversial female Federico Garcìa Lorca character Yerma. Filmed in both Belgium and Italy, performed by the belgian butoh theatre's performer, Lies Serdons, the project want to tell the tale of Yerma’s manifest musings and interior monologues in visual terms. Originally conceived and directed by Tommaso Pedone as a contemporary art mix, it ties the dramatic silence and spirituality of Japanese Butoh theatre to Lorca’s expressive Spanish warmth, at the same time eliminating socio-geographic references to get to the core poetics expressed as universal images.

    The difference from Lorca lies in the paradoxical image of the protagonist’s “impossible” pregnancy. Yerma wants the child which she is already expecting, asking for that which she already has. In a growing momentum of wishes and images of her desire, the central thesis of the film unfolds. The intimate drama of the Spanish writer for the director becomes a contemporary metaphor: woman, "all-powerful mother" of humankind, expresses her natural drive to give birth, whilst at the same her modern sensibilities prevent her from noticing that Life is all around, both within and without, trapped, as we all are, by the unending search for the idea of desire itself.

    ------------------------------------------------------------------

    Lungometraggio indipendente che rende omaggio al controverso personaggio femminile di Federico Garcìa Lorca. Realizzato tra Belgio e Italia, interpretato dalla performer di teatro butoh Lies Serdons, di origine belga, il progetto nasce dalla volontà di raccontare visivamente i monologhi interiori e quelli manifesti dell'animo di Yerma. Ideato e diretto da Tommaso Pedone come contemporaneo mix di derivazioni artistiche, unisce infatti il tragico silenzio e la spiritualità del teatro butoh giapponese al calore espressivo e drammatico del testo dello spagnolo Lorca, reinterpretati in una collaborazione italo-belga che vuole eliminare ogni punto di riferimento socio-geografico per arrivare ad una visione poetica universale per immagini.

    Il punto di vista differente rispetto all'originalità del testo lorchiano é la tesi paradossale raffigurata nella gravidanza "impossibile" della protagonista. Yerma vuole un figlio che già aspetta, chiede quello che non si accorge già di avere. In un ciclico scorrere di desideri e raffigurazioni del desiderio stesso si dipana la tesi centrale del progetto. Il dramma intimista del poeta spagnolo diventa per il regista metafora contemporanea: la donna, "grande madre" del genere umano, esprime la sua naturale voglia di dare vita, ma anche l'incapacità moderna di accorgersi della vita che si ha intorno e dentro di sé, intrappolati nell'infinita rincorsa dell'idea del desiderio.

    # vimeo.com/23554840 Uploaded 56.5K Plays 6 Comments
  4. Italy – 2009

    5’ 45''

    performer: Alberto Mariani

    Videoart project with performer. Part of the “Crisis” serie, a meditation on italian and International critical moment. A deconstructed flag in action painting creates the backdrop for a man dressed as a scratch card. Luck/Destiny are the themes treated in a as conceptual as figurative project, that doesn't want to give an answer at the end but only to have a deep impact with the point of view on contemporary values.

    .......................................................................................................................................

    Italia – 2009

    5’45’’

    performer: Alberto Mariani

    Primo progetto di videoarte figurativa, parte della serie “ CRISIS ”, una riflessione sul delicato momento socio-economico italiano (e, in senso più allargato, internazionale). Una bandiera scomposta in action painting fa da scenografia alla performance di un uomo trasformato in tessera argentea di un biglietto Gratta e vinci. La risposta disperatamente ricca di speranza dell’essere umano contemporaneo (il fenomeno investe tutti i livelli della società) per il futuro quotidiano diventa anche metafora di ricerca interiore. La statistica dice che ogni tot. numero di tessere c’è un vincitore, il progetto non vuole dare una risposta al tema posto, ma rappresentarne neorealisticamente relatività ed universalità del concetto di “fortuna/destino”.

    # vimeo.com/60339511 Uploaded 210 Plays 0 Comments
  5. Slot Job

    Italy - 2012 - Full HD

    Second episode of the trilogy dedicated to the binomial gambling/economical crisis. "Slot Job" focuses on the changings taking place in the world of work, in particular crafts, that are gradually disappearing from the modern landscape. A humanized slot machine represents 13 boards related to manual work with direct relationship with natural elements, in a clear reference to the past. A lutist, a shoe repairer, a farmer, alternate with stylized symbols of the slot machine, managing to keep alive what is mechanical excellence: an electronic machine. Unlike "Gratta e Vinci (Scratch and Win)" there is more than one character, a few participants, a microcosmos that simbolically sums up the craft of the twentieth century.
    The playful atmosphere contrasts with every movement of the roller with the effort and concentration of people at work and that calls for a reflection. The weel turns, accompanied by the sound of bells and coins inserted, untill the last scene, where a cascade of money announces the victory, but also the end of most of the professions mentioned.
    ....................................................................................................................................................................................

    Italia - 2012 - Full HD

    Secondo episodio della trilogia dedicata al binomio gioco d'azzardo/crisi economica, "Slot Job" focalizza l'attenzione sul cambiamento in atto nel mondo del lavoro, in particolare delle attività artigianali, che stanno a poco a poco scomparendo dal panorama moderno. Una slot machine umanizzata rappresente in 13 tavole alcuni lavori legati alla manualità ed al rapporto con gli elementi più naturali, in un chiaro richiamo al passato. Un liutaio, un calzolaio, un fattore, si alternano ai simboli stilizzati del gioco, riuscendo a rendere vivo ciò che é meccanico per antonomasia: una macchina elettronica. A differenza di "Gratta e Vinci" non vi é più un solo protagonista, ma più partecipanti, un microcosmo che riassume simbolicamente l'artigianato del '900.
    L'atmosfera giocosa contrasta ad ogni movimento del rullo con la fatica e la concentrazione dei personaggi al lavoro e invita ad una riflessione. La ruota gira, accompagnata dal suono dei campanelli e delle monete inserite, fino all'ultima scena, in cui una cascata di soldi annuncia la vittoria, ma anche la fine della maggior parte delle professioni citate.

    # vimeo.com/60749950 Uploaded 244 Plays 0 Comments

Tommaso Pedone - Works

Tommaso Pedone

Browse This Channel

Shout Box

Heads up: the shoutbox will be retiring soon. It’s tired of working, and can’t wait to relax. You can still send a message to the channel owner, though!

Channels are a simple, beautiful way to showcase and watch videos. Browse more Channels.